Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, i nuovi casi scendono sotto 60mila, i morti sono 278

  • a
  • a
  • a

Scendono sotto quota 60mila i nuovi casi da Covid 19 in Italia oggi, mercoledì 16 febbraio. Nelle ultime 24 ore, come riportato nel bollettino quotidiano del ministero della Salute, i nuovi contagiati sono 59.749, mentre i morti sono ancora 278. A fronte di 555.080 tamponi, il tasso di positività si ferma al 10,76%. 

 

 

Sul fronte ospedali, il ministero della Salute registra 15.127 ricoverati con sintomi (- 475 da ieri) e 1.073 i pazienti in terapia intensiva (- 46 da ieri). Le persone attualmente positive sono 1.480.113, con un calo di 70.297 unità da ieri. Nelle ultime 24 ore si contano poi 129.888 guariti, per un totale di 10.633.268 da inizio pandemia.

 

 

Per quanto riguarda le ospedalizzazioni, comunque, in 13 regioni italiane si registra un calo di occupazione nelle terapie intensive Covid, che rimangono comunque stabili in Italia al 12%, È quanto emerge dal monitoraggio dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Agenas sui dati del 15 febbraio. In dettaglio, il dato è in discesa in Abruzzo (13%, -1%), Basilicata (5%, -1%), Calabria (13%, -2%), Campania (8%, -1%), Emilia Romagna (12%, -1%), Friuli Venezia Giulia (17%, -2%), Marche (14%, -2%), Alto Adige (7%, -1%), Trentino (14%, -2%), Sicilia (13%, -1%), Toscana (13%, -2%), Umbria (8%, -1%) e Veneto (7%, -1%). Stabile in Lazio (19%), Lombardia (9%), Piemonte (12%), Puglia (13%), Sardegna (15%), Valle d’Aosta (12%). In aumento invece in Liguria (13%, +2%) e Molise (13%). I ricoveri ordinari sono invece sono stabili al 24% in Italia ma in calo in 12 regioni. Il dato è in discesa in Basilicata 26% (-1%), Campania (26%, -1%), Emilia Romagna (22%, -2%), Friuli Venezia Giulia (30%, -1%), Liguria (31%, -2%), Molise (23%, -1%), Alto Adige (20%, -1%), Trentino (22%, -2%), Piemonte (23%, -1%), Toscana (21%, -1%), Valle d’Aosta (23%, -2%) e Veneto (15%, -1%. Stabile in Abruzzo (36%), Calabria (31%), Lazio (29%), Lombardia (18%), Puglia (25%), Sardegna (25%), Sicilia (35%), Umbria (31%): unica regione che vede un aumento le Marche (31%, +1%).