Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, 57.715 nuovi casi e 349 morti. Ciclo vaccinale completato da quasi l'88% degli italiani

  • a
  • a
  • a

Sono 57.715 i nuovi casi di Covid registrati in Italia nelle ultime 24 ore, in calo rispetto ai 104.065 di ieri, per un totale di 10.983.116 dall’inizio dell’epidemia. Si registrano 349 morti, contro i 235 di ieri, per un totale di 146.498 sempre dall’inizio dell’epidemia. È quanto emerge dal bollettino di oggi - lunedì 31 gennaio 2022 - del ministero della Salute sulla diffusione del Coronavirus nel nostro Paese. I tamponi effettuati sono 478.314, contro i 818.169 di ieri, con un tasso di positività che scende al 12,1 per cento.

 

 

Gli attualmente positivi sono 2.592.606. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 1.584. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 19.913, 296 in più rispetto a ieri. I dimessi/guariti sono 108.493, per un totale di 8.244.012 dall’inizio dell’epidemia. A livello territoriale, le Regioni con il maggior incremento di contagi sono Emilia-Romagna (8.983), Lazio (6.615) e Piemonte (6.241).

 

Sono invece 127.860.656 le dosi di vaccino contro il Covid somministrate finora in Italia, il 100,5 per cento di quelle consegnate, pari a 127.161.872, di cui 85.302.878 di Pfizer/BioNtech, 24.438.917 di Moderna, 11.544.739 di Vaxzevria-AstraZeneca, 1.849.303 di Janssen e 4.026.035 di Pfizer pediatrico. Le persone che hanno completato il ciclo vaccinale sono 47.332.846, pari al 87,64 cento della popolazione over 12. È quanto emerge dal bollettino sull’andamento della campagna di vaccinazione a cura della presidenza del Consiglio, del ministero della Salute e della struttura commissariale per l’emergenza sanitaria, aggiornato alle 06:14 di oggi. Il totale dei guariti da al massimo sei mesi è pari a 969.892, l’1,80 per cento della popolazione over 12. Sono state, poi, somministrate 33.148.664 dosi addizionali/richiamo (booster), il 83,84 per cento della popolazione potenzialmente oggetto di tali somministrazioni, che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno quattro mesi.