Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, l'immunologo Silvestri: "Omicron indebolita. Il pericolo è una variante più feroce a ottobre"

  • a
  • a
  • a

Pur se Omicron sembra essere meno devastante della variante Delta, in tema Covid è vietato abbassare la guarda. Perché una variante che possa combinare le peggiori qualità dei due virus è sempre alle porte e soprattutto nel periodo di ottobre e novembre dopo il calo di attenzione dei mesi estivi. Questo è il concetto spiegato dal virologo Guido Silvestri, professore della Emory University, in un’intervista a La Repubblica.

 

 

"È una questione numerica. Quando le epidemie sono un fuoco che si propaga velocissimo, a un certo punto non trovano più materiale per la combustione. A volte purtroppo il catastrofismo di Delta vive di vita propria, fuori dalla logica scientifica" spiega Silvestri. Omicron è meno grave di Delta per le sue caratteristiche, o perché ci sono molti vaccinati e guariti? "Sappiamo tanto dagli esperimenti sulle cellule in provetta, quanto da quelli sugli animali, che Omicron è meno capace di infettare il polmone profondo. Diciamo che è bravissima a colpire l’apparato respiratorio superiore, ma è zoppa quando si tratta di attaccare il polmone. Questo spiega anche il quadro clinico", osserva Silvestri. Diventerà come l’influenza, col vaccino annuale? "Spero proprio di sì - risponde Silvestri - Però dobbiamo monitorare e fare sorveglianza epidemiologica. Lungi da me la volontà di essere allarmista, ma il rischio più grosso è che scappi fuori una variante che mantenga l’aggressività infettiva di Omicron, ma riacquisti anche la capacità di danneggiare il polmone di Delta. Spero non succeda mai, però dobbiamo esser preparati. E il modo migliore è insistere con i vaccini".  Quindi Omicron non significa che il virus è indebolito in generale: potrebbe tornare con una variante più forte? "Esatto. La più grande fesseria che potremmo fare è pensare che il Covid sia andato via, perché con l’estate calano i casi nei Paesi occidentali, si riapre la società, e la gente smette di vaccinarsi. Poi a ottobre o novembre arriva una variante più brutta, magari dalla Thailandia, Madagascar o Argentina, e siamo tutti scoperti«, avverte.

 

 

 La linea italiana del Green Pass è giusta? "Serve a dire questo alle persone. Il vaccinato può infettarsi, ma subisce una malattia lieve e non crea il disagio ospedaliero. Se non lo capisci te lo spiego impedendoti di andare al ristorante, allo stadio o al cinema - chiosa il virologo - E giusto? Sarebbe stato più bello se tutti ci fossimo vaccinati spontaneamente, ma se non succede bisogna evitare le conseguenze più gravi". Che futuro ci aspetta? "Uno scenario possibile è che ogni anno, verso giugno o luglio, si fa un inventario, dove circola il virus, quali sono le varianti. Si fanno rapidamente i vaccini Rna del caso con una produzione di massa, e poi a ottobre e novembre la campagna per le inoculazioni, così si passa l’inverno col massimo degli anticorpi. Si è protetti fino ad aprile o maggio, e poi arriva l’estate che è più tranquilla. E un modello che già esiste, non si capisce perché dovrebbe scatenare tutte queste reazioni", conclude.