Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, il bollettino di oggi 17 gennaio 2022: 83.403 nuovi casi e 287 morti. Scende il tasso di positività

  • a
  • a
  • a

Un'altra giornata critica sul fronte Covid in Italia. Il bollettino di oggi, lunedì 17 gennaio 2022, registra 83.403 nuovi casi e 287 morti. In calo, come sempre nella giornata di lunedì, il numero dei tamponi effettuati: domenica ne erano stati registrati poco meno di un milione, oggi ce ne sono 541.298. Crescono i ricoveri ma scende il tasso di positività rispetto alla giornata di ieri.

 

 

Secondo il bollettino emanato dal ministero della Salute, in terapia intensiva ci sono 26 nuovi ingressi, 1.717 in totale, mentre nei reparti ordinari i ricoveri toccano quota 19.228, ben 509 in più di ieri. I dimessi e i guariti sono 76.679, per un totale di 6.093.633 dall’inizio dell’epidemia. Superata quota 540mila tamponi: sono stati 541.298, ieri erano 927.846: il tasso di positività scende dal 16,1 al 15,4%. Gli attualmente positivi nel Paese sono 2.555.278, mentre i decessi dall’inizio della pandemia sono 141.391. Tra le Regioni con il maggior incremento di contagi ci sono Lombardia (9.883), Campania (9.370) ed Emilia-Romagna (11.189).

 

L’occupazione dei posti letto nelle aree mediche Covid è cresciuta al 29%, con un incremento pari a un punto percentuale rispetto alla precedente rilevazione. Dunque una leggera salita, ieri, rispetto al 28% di venerdì e sabato e al 27% di giovedì. È ciò che emerge dall’ultimo monitoraggio dell’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali. La Liguria (38%, stabile), la Lombardia (34%, un punto percentuale in più), la Sicilia (35%, stabile) e la Valle d’Aosta (69%, +1) superano la soglia del 30%; la Calabria arriva al 41% (+1), mentre scendono sia l’Umbria, al 33% (-1), che il Veneto, al 25% (-1). Per quanto riguarda le terapie intensive, l’occupazione dei posti letto Covid rimane stabile al 18%, stesso dato dall'11 gennaio. Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Trento, Toscana, Piemonte e la Valle d’Aosta sono le 8 regioni che superano la soglia del 20%.