Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Galli avverte: "Ci sono tutti i segnali per un'ondata di contagi dopo Natale"

  • a
  • a
  • a

Il direttore di Malattie infettive all'ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, è intervenuto all'Adnkronos sulla situazione della pandemia da Covid in Italia. "Ci sono tutti i segnali per temere un’ondata di infezioni da Sars-CoV-2 dopo le vacanze di Natale - ha commentato -. Ondata che interesserà principalmente le persone non vaccinate, ma purtroppo anche un certo numero di persone vaccinate che non hanno risposto adeguatamente al vaccino per cui le loro difese, in determinate circostanze, non sono state sufficienti per evitare il contagio".

 

 

Galli nella giornata di mercoledì 15 dicembre aveva parlato pure della pillola anti Covid: "Varie agenzie internazionali, in testa l’Oms, ma anche l’Ecdc - ha sottolineato il medico - si sono chiaramente espresse sul fatto che si attendono momenti non particolarmente felici dal punto di vista della pandemia. E anche il nostro Governo non può che adeguarsi alla necessità di contenere il rischio. Se la pillola anti Covid sperimentale Pfizer mantiene metà delle promesse che sono previste ci potrebbe risolvere molti problemi. Il meccanismo con cui questi farmaci agiscono dovrebbe garantirci contro tutte le varianti del virus attualmente note. Non ci sono elementi che facciano pensare che una variante, compresa Omicron, possa rispondere meno di un’altra a questo medicinale o all’altro che è stato annunciato".

 

 

Galli è quindi entrato maggiormente nel dettaglio: "Si tratta di un farmaco che viene dato alle persone con infezione iniziale che rischiano di fare una brutta malattia, non indiscriminatamente a tutti quelli che hanno contratto il virus. Allo stato attuale c’è da aspettarsi che possa funzionare. Ma al momento sono solo annunci. Aspettiamo dati più concreti", ha concluso l'infettivologo.