Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, nuova variante sudafricana: può essere la più contagiosa mai identificata. Oggi la valutazione dell'Oms

  • a
  • a
  • a

L’Organizzazione mondiale della sanità, l'Oms, si riunirà oggi per fare una prima valutazione della nuova variante del nuovo Covid scoperta in Sudafrica e rilevata anche in Botswana che si teme possa rivelarsi la peggiore mai identificata. Gli specialisti decideranno se il nuovo ceppo, denominato B.1.1.529, debba essere considerato una variante di "interesse" o di "preoccupazione". La variante, che è stata identificata martedì, ha immediatamente attirato l’attenzione perché ha sviluppato un numero estremamente elevato di mutazioni (32) che potrebbero confondere i vaccini attualmente in uso. Inoltre, il nuovo ceppo dimostra di avere una impressionante capacità infettiva: i tassi di positività a Tshwane (parte del Guateng, in Sudafrica) sono aumentati nelle ultime tre settimane da meno dell’1% a oltre il 30%.

 

 

La professoressa Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell’Oms sul Covid, ha dichiarato in conferenza stampa: che, seppure ancora non si sappia molto su questa variante, è chiaro comunque che presenti "un gran numero di mutazioni. E la preoccupazione è che quando hai così tante mutazioni, ci può essere un impatto sul comportamento del virus".

 

 

Intanto il ministro della Salute, Roberto Speranza, annuncia di aver firmato "una nuova ordinanza che vieta l’ingresso in Italia a chi negli ultimi 14 giorni è stato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini. I nostri scienziati sono al lavoro per studiare la nuova variante B.1.1.529. Nel frattempo seguiamo la strada della massima precauzione" ha affermato il ministro. "Stiamo a sentire, bisogna cercare di capire come sia questa nuova variante, fare in modo che i nostri scienziati la esaminino e ci diano delle indicazioni. È chiaro che bisogna stare attenti. Quando si diceva che la battaglia non era finita, si diceva il vero" ha spiegato il governatore lombardo, Attilio Fontana, a margine di un convegno sulla sostenibilità a Palazzo Lombardia.