Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Speranza: "Terza dose dopo cinque mesi". Regioni a Governo: "Premiare i vaccinati"

  • a
  • a
  • a

"La dose di richiamo è cruciale per proteggere meglio noi e chi ci sta accanto. Dopo l’ultimo parere di Aifa sarà possibile farla a 5 mesi dal completamento del primo ciclo. Vacciniamoci tutti per essere più forti" scrive st Facebook il ministro della Salute, Roberto Speranza. Il post social è arrivato in contemporanea all'annuncio che lo stesso ministro ha fatto ai governatori nell'incontro - che si sta tenendo oggi lunedì 22 novembre 2021, proprio in questi minuti - nell'incontro tra regioni e governo. Il disco verde - con anticipo di ben un mese rispetto a quanto previsto finora - sarebbe arrivato da Aifa e Cts, come emerso durante la riunione tra governo e regioni in corso a Palazzo Chigi. 

 

 

Ma non solo, secondo le indiscrezioni che trapelano dall'incontro le regioni hanno chiesto di premiare i cittadini vaccinati e offrire certezze alle categorie produttive. Per chi ha fatto il vaccino sarebbe giusto prevedere minori restrizioni in caso di passaggi in zona gialla e arancione, hanno sottolineato i governatori. "Ho appena chiesto al Governo, e con me la maggioranza dei presidenti, di garantire a chi si è vaccinato e corre molti meno rischi la certezza che non ci saranno nuove limitazioni" scrive poi in un post su Facebook il governatore della Liguria Giovanni Toti, nel corso del vertice governo- Regioni. "Per questo occorre diversificare le attività possibili a seconda che un cittadino abbia il Green pass da vaccino o quello da tampone. È infatti provato che a riempire i nostri ospedali e le nostre terapie intensive sono per la stragrande maggioranza persone non vaccinate" sottolinea.

 

 

"Bene quindi che, come pare, il Governo abbia già deciso di anticipare a cinque mesi dall’ultima vaccinazione la terza dose. Occorre anche renderla obbligarla per sanitari e Rsa e aumentare i controlli alle frontiere con i Paesi a maggiore circolazione. Mi auguro che il Governo adotti entro le prossime ore tutte queste misure" conclude Toti.