Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Rasi su terza dose vaccino: "No a inutili psicosi, prima i meno giovani"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

"Non lasciamoci catturare da psicosi immotivate", così Guido Rasi - consigliere del commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo - sulla terza dose a tutta la popolazione. Nell'intervista rilasciata al Corriere della Sera però non esclude che però "con il tempo ci si arriverà, fermo restando che adesso è più importante distribuire il richiamo, il booster , agli ultrasessantenni, come previsto nell’ultima circolare del ministero della Salute". E per i più giovani? "I dati che stiamo accumulando sul campo ci diranno se il decadimento della risposta immunitaria è una prerogativa dei più anziani o se il fenomeno coinvolge i cinquantenni e le classi d’età inferiori. Nessuno ci corre dietro. C’è tempo per verificare se anche questa popolazione è esposta al contagio dopo aver ricevuto il ciclo completo", osserva

 

 

Sul richiamo del vaccino Johnson&Johnson: "Come per tutti gli altri vaccini, dopo due mesi comincia a declinare la risposta immunitaria ed è ragionevole che dopo sei mesi valga la pena ricevere una seconda somministrazione. Non c’è ragione di allarmarsi. Non è una sorpresa che anche per Johnson&Johnson sarebbe servita la dose di richiamo". Anche per gli immunizzati con Johnson&Johnson il richiamo sarà a base di un composto a mRna? "Sì, tanto più che abbiamo prova dell’efficacia del mix eterologo che offre risultati migliori sul piano della protezione", osserva. Spieghiamo meglio il concetto del decadimento delle difese immunitarie. "Non significa perdere le difese, ma che queste difese tendono ad abbassarsi. Anche infettandoci, non rischiamo comunque di ammalarci delle forme severe di Covid e di finire in ospedale. Ricordiamo poi che la produzione di anticorpi avviene sotto lo stimolo del virus. Il sistema immunitario è una macchina prodigiosa e sa bene quando è il momento di mettersi in azione. È dotato di memoria, sa reagire di fronte all’attacco del Sars-CoV-2 e chiama a raccolta gli anticorpi". 

 

 

Gli insegnanti spingono per avere la terza dose. Hanno ragione? "Per il momento la discriminante è l’età. Se hanno più di 60 anni - ricorda -possono fare il richiamo altrimenti aspettano fino a quando si dovesse decidere diversamente. Gli operatori sanitari che in questa fase stanno ricevendo la terza iniezione lavorano in ambienti dove il rischio di infettarsi è maggiore, ecco come mai è stata data loro la precedenza. Oltretutto sono stati i primi a essere stati vaccinati nei primi mesi del 2021" conclude Rasi.