Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mascherine chirurgiche, lo studio inedito: efficaci anche dopo dieci passaggi in lavatrice

  • a
  • a
  • a

Altro che da gettare via dopo qualche ore di utilizzo. Il destino delle mascherine chirurgiche sembra essere decisamente diverso, stando a quanto pubblicato dalla rivista scientifica Chemosphere. Un team di ricercatori francesi dopo un anno e mezzo di test di laboratorio, ha dimostrato che le mascherine chirurgiche conservano il potere filtrante e la loro traspirabilità dopo dieci passaggi in lavatrice. Le prestazioni restano addirittura superiori a quelle delle mascherine in tessuto di categoria 1, con una capacità di filtrazione batterica superiore al 98% contro il 90%. Si tratta di un sospetto che molti consumatori avevano ma non erano ancora stati sistematicamente valutati.

 

 

“Ci siamo fermati a dieci lavaggi come parte del nostro studio, ma possiamo immaginare di fare di più”, ha sottolineato Philippe Cinquin, coordinatore scientifico del Center for Clinical Investigation dell’ospedale universitario di Grenoble. A questo punto possiamo applicare una semplice regola che prevede di buttare via la maschera quando è danneggiata e non si adatta più bene al viso. Dopo diversi passaggi in lavatrice, lo strato esterno della mascherina potrebbe effettivamente assumere un aspetto soffice, la cui comparsa si può cercare di ritardare il più a lungo possibile lavandola maschera in una federa chiusa. Questi cosiddetti pelucchi possono risultare fastidiosi e determinare la fine della vita della mascherina, anche se "le proprietà di filtrazione rimangono efficaci", hanno spiegato gli autori nel loro studio. Insomma, proprio nel periodo in cui si intravede la fine della pandemia, ecco la scoperta sulle mascherine chirurgiche, spesso sottovalutate pure dagli esperti.

 

 

Le parti più fragili sono infatti la barra nasale, l’elastico intorno all’orecchio e soprattutto il punto di saldatura sugli angoli. Poiché il corretto adattamento al viso è essenziale per garantire una protezione ottimale, la durata di questi elementi influenza fortemente il riutilizzo della maschera.