Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Iss, vaccino efficace al 96% nel prevenire ricovero in intensiva e morte

  • a
  • a
  • a

I vaccini anti-Covid hanno un’efficacia del 96% nel prevenire il rischio di morte. Il dato emerge dall’ultimo report dell’Istituto superiore di sanità, secondo il quale "l’efficacia complessiva della vaccinazione incompleta nel prevenire l’infezione è pari al 63,0% (95%IC: 62,7%-63,3%), mentre quella della vaccinazione completa è pari al 77,3% (95%IC: 77,1%-77,5%)".

 

 

"Questo risultato - prosegue il dossier - indica che nel gruppo dei vaccinati con ciclo completo il rischio di contrarre l’infezione si riduce del 77% rispetto a quello tra i non vaccinati. Siccome è una stima basata su un modello statistico, questa implica un livello di incertezza che è espresso dall’intervallo di confidenza, il quale indica che verosimilmente (con il 95% di probabilità) il valore reale dell’efficacia è compreso tra 77,1% e il 77,5%. L’efficacia nel prevenire l’ospedalizzazione, sale all’84,1% (95%IC: 83,5%- 84,6%) per la vaccinazione con ciclo incompleto e al 93,4% (95IC%: 93,2%-93,7%) per quella con ciclo completo. L’efficacia nel prevenire i ricoveri in terapia intensiva è pari all’90,8% (95%IC: 89,5%-91,9%) per la vaccinazione con ciclo incompleto e pari al 95,7% (95%IC: 95,0%-96,2%) per quella con ciclo completo. Infine, l’efficacia nel prevenire il decesso è pari all’83,8% (95%IC: 82,6-84,9%) per la vaccinazione con ciclo incompleto e pari al 96,3% (95%IC: 95,9%-96,6%) per la vaccinazione con ciclo completo".

 

 

Un altro contributo alla protezione dalla variante Delta sarà dato dalle terze dosi. L’ Aifa ne ha autorizzato l’uso, ma al momento solo per alcune fasce di popolazione particolarmente a rischio, una platea di circa 9 milioni di persone. Si partirà dagli immunodepressi (circa 3 milioni) che potranno ricevere la terza dose ad almeno 28 giorni di distanza dalla precedente. Poi si passerà agli over 80 (circa 4,5 milioni di persone) e ai residenti delle Rsa: queste categorie riceveranno la terza dose a distanza di almeno sei mesi dall’ultima. Si inizierà a fine settembre.