Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rischio listeria, prosciutto cotto ritirato dai supermercati: il marchio nel mirino e dove è venduto | Foto

  • a
  • a
  • a

Attenzione al prosciutto cotto Herta. L'avvertimento è arrivato da Rappel Conso, sito francese di avviso sui prodotti pericolosi, che ha appunto allertato i consumatori sul sospetto della presenza di listeria nelle vaschette, vendute in molte marche. Attualmente è in corso la fase di ritiro in tutti i negozi delle vaschette commercializzate tra il 25 e il 27 agosto e la cui data di scadenza è fino al 22 settembre. Si tratta di un prodotto popolarissimo in molte catene di supermercati. La listeriosi è un’infezione causata dal batterio Listeria monocytogenes, generalmente dovuta all’ingestione di cibo contaminato: di conseguenza è inserita fra le malattie trasmesse attraverso gli alimenti.

 

 

Per quanto riguarda il ritiro del prosciutto cotto, si tratta di vaschette Le Bon Paris à étouffée - 6 fette commercializzate tra il 25 e il 27 agosto 2021 e la cui data di scadenza è fino al 22 settembre 2021. Un prodotto venduto da molte catene di supermercati, tra i quali Système U, Leclerc, Monorpix, Metro, Leader Price, Intermarché, Francap, Atac, Schiever, Carrefour, Casino e Franprix.

 

 

La dose infettiva di Listeria non è però certa: esiste infatti il rischio di sviluppare la malattia anche con bassi livelli di carica batterica, anche se la maggior parte dei soggetti adulti in buona salute non presenta alcun sintomo dopo il consumo di alimenti contaminati o può presentare sintomi gastroenterici quando la contaminazione è molto elevata. Quella del prosciutto cotto ritirato dai supermercati è soltanto l'ultima delle misure precauzionali adottate negli ultimi tempi. Proprio recentemente sono stati ritirati alcuni prodotti di pasta biologica di lenticchie, riso rosso e curcuma e di pasta biologica di fave per la "probabile contaminazione con cloroetanolo e ossido di etilene".

 

 

Le confezioni sono quelle del marchio Pastificio Fiorentino Renaissance, come riportato dal sito ilfattoalimentare.it. In particolare, sono state interessate dal provvedimento le confezioni da 250 grammi della pasta di lenticchie, riso e rosso e curcuma con il Tmc 28 dicembre 2023 dei formati calamarata, risoni, paccheri e penne. E ancora le confezioni da 250 grammi della pasta di fave, riso rosso e curcuma con il Tmc 8 gennaio 2024 dei formati calamarata, paccheri e fusilli, e con il Tmc 28 dicembre 2023 del formato risoni. Ora, nel mirino il prosciutto cotto Herta.