Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, 10 morti e 3.558 nuovi casi. Tasso di positività all'1,6%

  • a
  • a
  • a

Il bollettino Covid racconta, oggi 20 luglio 2021, di un'altra giornata in cui i contagi in Italia aumentano. I nuovi casi, come comunicato dal Ministero della Salute sono 3.558 (ieri 2.072), i morti invece 10 (ieri 7). Il tasso di positività è di 1,6% (i tamponi effettuati sono stati molti di più: 218.705 contro gli 89.089 di ieri).

 

 

Salgono invece le terapie intensive, oltre ai ricoveri nei reparti ordinari. Sono 165 i pazienti in rianimazione per il Coronavirus in Italia. Gli ingressi giornalieri, sempre secondo il ministero della Salute, sono 11 (ieri 16). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.194, quindi 6 in più rispetto a ieri. I casi nel nostro Paese dall'inizio della pandemia sono 4.293.083, i morti 127.884. I dimessi e i guariti sono invece 4.115.889, con un incremento di 1.760 rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 49.310, in aumento di 1.785 unità nelle ultime 24 ore. A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi sono il Lazio (681), il Veneto (600) e la Sicilia (552).

 

 

"Le riaperture che abbiamo fatto finora sono state il frutto di una campagna di vaccinazione che è lo strumento fondamentale che abbiamo per metterci alle spalle quei giorni così drammatici". Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel corso del convegno online 'Quale riforma per gli anziani non autosufficienti e le loro famiglie?’, organizzato da ’Cittadinanzattiva' e dal forum ’Disuguaglianze e Diversità’. "Dobbiamo insistere con ogni energia", continua. "Abbiamo superato 61 milioni di dosi, con 500mila vaccinazioni al giorno". "Non è più il tempo delle chiacchiere e dei giochetti: chi ha responsabilità politiche e istituzionali si vaccini e inviti a farlo" afferma il capogruppo di LeU a Montecitorio Federico Fornaro. "Siamo in una fase delicata della battaglia contro il Covid 19 ed è necessario da parte di tutti uno scatto di responsabilità. La campagna di vaccinazione è l’unico modo per sconfiggere il virus e permettere a tutti il ritorno ad una vita normale. Non è il momento di messaggi anche solo ambigui sui vaccini o sul green pass. Se si vuole bene all’Italia e agli italiani e si vogliono impedire chiusure e restrizioni c’è una sola scelta: vaccinarsi e convincere quanti fino ad ora non lo hanno fatto" conclude.