Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La stenosi diverticolare sintomatica del colon, cosa è e come viene operata

  • a
  • a
  • a

La stenosi diverticolare sintomatica del colon, operazione a cui si è sottoposto Papa Francesco, 84 anni, nella giornata di oggi 4 luglio 2021, è una conseguenza della diverticolite, infiammazione dei diverticoli del colon, che negli anziani può condurre a un restringimento del lume, impedendo il passaggio delle feci. I diverticoli sono erniazioni sacciformi che interessano la mucosa e la sottomucosa della parete dell’intestino e si localizzano più frequentemente nel colon sinistro ed in particolare nel colon sigmoideo. La malattia diverticolare, spiega la Sice, Società Italiana di Chirurgia Endoscopica e Nuove Tecnologie, "comporta circa 300.000 ospedalizzazioni all’anno negli Stati Uniti, con 1,5 milioni di giorni di cure ospedaliere. Infatti, questa malattia è la terza malattia gastrointestinale più comune che richiede il ricovero in ospedale e l’indicazione principale per la resezione del colon elettiva". 

 

 

 Si tratta di "un intervento di chirurgia maggiore, non fatto in day hospital. È frequente e si può fare con tecnica mini-invasiva, ma non è uno scherzo", spiega a LaPresse un chirurgo del Gemelli che preferisce restare anonimo. I giorni di degenza media vanno dai 4 ai 6, afferma, in assenza di complicazioni, e l’intervento prevede sorveglianza post-operatoria. Le complicazioni? "Ogni volta che si parla di intervento all’intestino, è prevista una cucitura e tutte le suture ,per quanto perfette, hanno comunque un rischio di cedimento, che è la complicanza più temibile, perché un cedimento di sutura all’interno dell’addome vuol dire passaggio di feci nel peritoneo che può essere un’evenienza seria. Minimizzarlo non è mai serio", avverte. Il Pontefice è la prima volta che viene ricoverato, da quando è salito al soglio di Pietro.

 

 

La diverticolosi del colon viene segnalata maggiormente nei paesi occidentali e colpisce in prevalenza i soggetti anziani ed è ugualmente distribuita in entrambi i sessi. L'incidenza aumenta con l’età, a partire da un 10% di casi al di sotto dei 40 anni, sino al 25% a 60 anni sino al 50% in soggetti con oltre 80 anni di età.