Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Firenze, mangiano tonno a pranzo e finiscono in ospedale. Nove intossicati, attenzione all'alimento sospetto

  • a
  • a
  • a

Nove persone sono rimaste intossicate dopo aver mangiato del tonno a pranzo. E' accaduto a Firenze dove alcuni clienti di due diversi ristoranti, dopo aver mangiato delle pietanze con il tonno, sono finiti in ospedale. I sintomi sono gli stessi: nausea, vomito, perdita di conoscenza e svenimenti. Sono stati ricoverati negli ospedali San Giovanni di Dio e Santa Maria Nuova. Gli accessi sono stati segnalati nel territorio della Asl Toscana Centro. Le nove persone ad oggi sono state tutte dimesse, ma tecnici della prevenzione afferenti all'Unità Funzionale di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare della zona fiorentina si sono recati nei due ristoranti per valutarne le condizioni igieniche, la conservazione del prodotto e la tracciabilità di quest'ultimo.

 


Sono stati prelevato dei campioni di tonno che sono stati consegnati per le analisi all'istituto  zooprofilattico sperimentale di Lazio e Toscana. I tecnici hanno effettuato un sopralluogo al centro di distribuzione di Firenze che ha rifornito i due ristoranti con il successivo blocco sanitario di tutte le merci riferibili al lotto coinvolto. Intanto l'Ugv sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare sta procedendo ad applicare la procedura di allerta alimentare, visto e considerato che a Portoferraio è accaduto qualcosa di analogo. Anche in questo caso si tratta di una persona che ha consumato il pesce all'interno di un ristorante. Al momento non ci sono certezze su cosa possa aver causato le intossicazioni.

 

 

Il tonno finito sotto esame, si spiega, non è in scatola: si tratta di tranci di prodotto fresco. Il centro di distribuzione presso il quale è stato effettuato il blocco sanitario del lotto di tonno coinvolto è un ingrosso che serve locali e mondo horeca in generale, non i singoli consumatori.  "Tecnici della prevenzione afferenti alla unità funzionale di sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare della zona fiorentina -  la Asl - si sono recati nei due ristoranti per valutarne le condizioni igieniche, la conservazione del prodotto e la tracciabilità a monte".