Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccini, dal 10 giugno via libera alle somministrazioni per tutte le fasce d'età

  • a
  • a
  • a

Finora per prenotare e mettersi in fila per il vaccino anti Covid bisognava aspettare il via libera per fasce d'eta. Ma dal 10 giugno, secondo quanto riferisce il Corriere della Sera, cambierà tutto. Il commissario straordinario per l'emergenza coronavirus, il generale Francesco Paolo Figliuolo, è pronto a firmare una nuova ordinanza che di fatto da quella data toglie le restrizioni liberando le somministrazioni a tutte le fasce d'età.

 

Una volta firmata l'ordinanza potranno prenotarsi tutti anche se con meno di 40 anni. Finora infatti bisognava attendere o l'apertura delle prenotazioni della propria fascia d'età o gli open day specifici organizzati in diverse regioni. Stando a quanto riferisce il quotidiano di via Solferino la struttura commissariale ha basato la decisione sui conti fatti sulle dosi già consegnate e su quelle che arriveranno nelle prossime due settimane consentono di pianificare l'accelerazione della campagna in vista dell'estate. L'obiettivo primario è quello di allineare le differenze che ci sono dalle varie regioni per evitare che ci siano territori dove la campagna corre ed altri dove invece arranca, specialmente per quanto riguarda la copertura vaccinale dei soggetti fragili. Dopo verrà affrontato il tema della seconda dose per chi è in vacanza.

 

Per la fine di giugno i vaccini a disposizione saranno oltre 28 milioni. Entro qualche giorno arriveranno 8,5 milioni di dosi che completano la fornitura di maggio, 20 milioni sono invece previste nel prossimo mese. Scorte sufficienti, stando all'analisi della struttura commissariale, per poter "liberare" le somministrazioni. Alcune Regioni sono avanti nel percorso. Il Lazio ha organizzato diversi open day Astrazeneca e vaccinerà i maturandi a inizio giugno. La Lombardi ha aperto le vaccinazioni agli over 30. L'Alto Adige  prenota chi ha più di 18 anni perché ormai più della metà dei residenti tra i 40 e 49 anni ha ricevuto la prima dose, l'Emilia-Romagna ha aperto tre hub interaziendali per i lavoratori.