Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Vaccino unico contro coronavirus e influenza". L'obiettivo di Moderna

  • a
  • a
  • a

Un solo vaccino per Covid e influenza. Forse tra uno o due anni sarà realtà. "L'efficacia contro il coronavirus è incoraggiante. Abbiamo un ventaglio di malattie da affrontare, dall’Hiv al virus respiratorio sinciziale che mette in pericolo i neonati. A breve partiranno i test clinici per il vaccino contro l’influenza. L’Rna permette di aggiornarlo rapidamente ai nuovi ceppi e di aumentare l’efficacia rispetto all’attuale. Il nostro obiettivo è mettere a punto un unico vaccino contro influenza e coronavirus. Ci sono però i test da completare, le autorizzazioni da ottenere. Metterei in preventivo uno o due anni". Lo dice in una intervista a Repubblica Andrea Carfì, a capo della ricerca sulle malattie infettive di Moderna, coordinatore degli scienziati che hanno messo a punto il vaccino contro il covid.

 

"La quantità di anticorpi dopo la vaccinazione scende col passare dei mesi. Al momento pensiamo a una terza somministrazione, ma con un dosaggio ridotto rispetto alle prime due. Da 100 microgrammi possiamo passare a 50 o 20". In merito all'efficacia dei vaccini contro le varianti, Carfì spiega che "la tecnologia dell’Rna consente di aggiornare il vaccino in tempi rapidi". "Bastano 40 giorni, al netto delle prove cliniche. Al momento stiamo testando una nuova versione contro la variante individuata in Sud Africa, quella che fa perdere più efficacia al vaccino attuale". Al momento, come aggiunge, la variante indiana "non preoccupa al punto da spingerci a rieditare il vaccino".

 

"Stiamo per presentare la richiesta alle agenzie regolatorie in Europa e Stati Uniti, nella fascia d’età dai 12 fino ai 18 anni. La risposta immunitaria degli adolescenti è buona, come negli adulti. Per loro abbiamo usato lo stesso dosaggio, 100 microgrammi. Per l’età pediatrica invece testeremo dosaggi anche più bassi. Sui bambini si va avanti con cautela, scendendo pian piano di età, fino ai sei mesi. I più piccoli hanno un tipo di risposta immunitaria diversa", conclude Carfì.