Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, altri 140 morti e 3.455 nuovi casi in Italia. Tasso di positività al 2,9%

  • a
  • a
  • a

Sono 3.445 in nuovi casi di Covid-19 riscontrati in Italia nelle ultime 24 ore e 140 i decessi. E' quanto emerge dal bollettino del ministero della salute sull'emergenza coronavirus di lunedì 17 maggio. I tamponi effettuati sono stati 118.924. Ieri, domenica 16 giugno, c'erano stati 5.753 contagi su  202.573 tamponi. Aumentano i decessi che domenica erano stati 93.  Con 9.305 dimessi e guariti in più gli attualmente positivi sono 322.891, 5.991 in meno rispetto a ieri quando c'era stato un calo di 3.948 unità. Il tasso di positività è oggi del 2,9% (ieri era stato del 2,83%). ll totale delle vittime da coronavirus nel nostro Paese dall'inizio della pandemia sale a 124.296. 

 

Sono 309.113 i positivi in isolamento domiciliare (-5.856), 12.024 ricoverati in ospedale (-110) mentre quelli in terapia intensiva sono 1.754 (-25) di cui 371 in Lombardia (-11), 235 nel Lazio (-1), 178 in Toscana (+3), 156 in Emilia Romagna (-1), 140 in Piemonte (+2) e 126 in Puglia (-1). Gli ingressi in terapia intensiva sono oggi 69 (+9 rispetto a ieri).

 

 

Questo il bilancio delle vittime dall'inizio della pandemia regione per regione: 33.360 in Lombardia, 11.487 in Veneto, 6.844 in Campania, 13.097 in Emilia-Romagna, 11.514 in Piemonte, 8.023 nel Lazio, 6.283 in Puglia, 6.541 in Toscana, 5.667 in Sicilia, 3.768 in Friuli-Venezia Giulia, 4.287 in Liguria, 2.992 nelle Marche, 2.457 in Abruzzo, 1.168 nella Provincia autonoma di Bolzano, 1.120 in Calabriaì, 1.437 in Sardegna, 1.378 in Umbria, 1.353 nella Provincia autonoma di Trento, 564 in Basilicata, 488 in Molise, 468 in Valle d'Aosta. Intanto lo studio sta studiando un nuovo prolungamento per la seconda dose di alcuni vaccini. È allo studio un ulteriore prolungamento della seconda dose di Pfizer e Moderna, rispetto ai tempi più lunghi già applicati. È quanto emerge da fonti di governo, al termine della cabina di regia Covid a Palazzo Chigi. Sarà fatta una valutazione, nel confronto con gli scienziati.