Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, altri 182 morti e 7.567 nuovi casi in Italia. Indice di positività al 2,5%

  • a
  • a
  • a

Il Ministero della Salute, che quotidianamente aggiorna sui casi di positività al coronavirus in Italia, ha diffuso l’aggiornamento Covid di oggi, venerdì 14 maggio. Sono 7.567 i nuovi positivi a fronte di 298.186 tamponi effettuati. Sono 182 i decessi. La percentuale di positivi è del 2,5%, in lieve calo rispetto a ieri quando si attestava al 2,81%. Calano ancora i ricoveri in terapia intensiva, dove ci sono ora 1.860 persone (-33 da ieri), con 99 nuovi ingressi giornalieri. Sono 13.050 i ricoveri ordinari (-558 da ieri), 3.683.189 i guariti in totale (+13.782) e 339.606 gli attualmente positivi (-6.402).

 

Per quanto riguarda le regioni più colpite, in Lombardia ci sono stati 1.160 casi, in Campania 1.118 e nel Lazio 706. Sono 1.860 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 33 in meno rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 99. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 13.050 persone, 558 meno di ieri. In totale i casi dall'inizio dell'epidemia sono 4.146.722, i morti 123.927. I dimessi e i guariti hanno raggiunto quota 3.683.189, con un incremento di 13.782 unità nelle ultime 24 ore. Gli attualmente positivi sono 339.606, in calo di 6.402 rispetto a ieri.

 

Sono 26.141.926 le dosi di vaccino contro il Covid-19 somministrate in Italia, l'88,4% del totale di quelle consegnate, che sono finora 29.583.060: nel dettaglio 19.988.280 Pfizer/BioNTech, 2.583.100 Moderna, 6.668.880 Vaxzevria (AstraZeneca) e 342.800 Janssen (J&J). Sono state vaccinate 14.693.346 donne e 14.693.346 uomini. E' quanto si legge nel report online del commissario straordinario per l'emergenza sanitaria aggiornato alle 17.13 di oggi, venerdì 14 maggio. Le persone immunizzate con entrambe le dosi sono 8.163.050 (13,78% della popolazione). Insomma con l'avanzare della campagna vaccinale finalmente i numeri dimostrano una frenata dell'avanzata del virus. Numeri che fanno ben sperare.