Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Variante indiana, l'Italia trema: zona rossa a Sabaudia e voli aerei annullati

  • a
  • a
  • a

"La variante indiana è sotto investigazione per capirne le caratteristiche. L’epidemia in India non è totalmente sostenuta da questa variante" spiega Gianni Rezza, direttore generale della prevenzione del Ministero della Salute in conferenza stampa. In realtà c'è timore in Italia per la presenza della variante indiana: un caso in Friuli e le scuole - oltre che le spiagge - chiuse a Sabaudia. 

 

 

Troppi casi di Covid nella grande comunità Sikh nella provincia di Latina: Bella Farnia, frazione del comune di Sabaudia, diventa zona rossa, su tutto il comune la sindaca Giada Gervasi dirama un’ordinanza "a scopo precauzionale" per attivare la dad 3 al 7 maggio su tutto il territorio comunale e, se l’incidenza dei casi dovesse aumentare, nei prossimi giorni la zona rossa sarà estesa. Nell’agro si stima che tra regolari e irregolari la comunità indiana conti circa 30mila persone, impiegate soprattutto come braccianti agricoli. Ieri la Asl di Latina ha sottoposto a screening con tamponi rapidi tutti i cittadini di nazionalità indiana della frazione. Da questi sono emersi oltre 80 casi di positività al Covid, poi confermati con il tampone molecolare. Il materiale genetico prelevato è stato inviato all’Ospedale Spallanzani per valutare l’eventuale presenza di varianti. E oggi è stato annullato un volo proveniente da uno scalo indiano e diretto a Roma Fiumicino.

 

 

A causa della variante indiana del virus, il ministero della Salute ha deciso di chiudere i confini non solo con l’India ma anche con Bangladesh e Sri Lanka. Nonostante il blocco però, aerei provenienti da quei Paesi continuano ad arrivare e la Regione Lazio ha lanciato l’allarme: solo sul volo atterrato mercoledì da New Delhi a Fiumicino, ben 23 persone sono risultate positive, e altre 200 sono state messe in quarantena, in strutture dedicate, dopo aver effettuato il tampone. Lo stesso è avvenuto con un altro volo atterrato giovedì. "Non si può scaricare tutto sul sistema sanitario regionale", ha tuonato l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato, mentre il presidente della Regione, Nicola Zingaretti ritiene "indispensabile" il blocco i voli e il coordinamento a livello europeo. L’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza, pur chiudendo i confini, lascia infatti la possibilità di ingresso nel Paese agli autorizzati, per rientri, ricongiungimenti familiari di cittadini italiani o motivi lavorativi.