Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, il bollettino del 14 aprile: 469 morti e 16.168 nuovi casi. Tasso di positività del 4,8%

  • a
  • a
  • a

Un'altra giornata drammatica sul fronte Covid in Italia. Il bollettino di oggi, mercoledì 14 aprile 2021, emanato dal ministero della Salute registra 16.168 nuovi casi e 469 morti. I contagiati totali sono 3.809.193 dall’inizio della pandemia nel nostro Paese. Ieri erano stati 13.447 i contagi, mentre le vittime 476. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 334.766 tamponi molecolari e antigenici (ieri i test erano stati 304.990) con un tasso di positività del 4,8%, in aumento di 0,4 punti rispetto a ieri quando era stato del 4,4%.

 

 

Sono 3.490 i pazienti ricoverati nelle rianimazioni in Italia, in calo di 36 unità rispetto a ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 216 (ieri 242). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 26.369 persone, in calo di 583 rispetto a ieri. In aumento i guariti, che sono 20.251 (ieri 18.160), per un totale di 3.178.976. Ancora in calo il numero delle persone attualmente positive, -4.560 (ieri -5.197): i malati ancora attivi sono ora 514.660. Di questi, 484.801 pazienti sono in isolamento domiciliare. La regione con più casi odierni è la Campania (+2.212), seguita da Lombardia (+2.153), Sicilia (+1.542), Puglia (+1.488), Piemonte (+1.439) e Lazio (+1.230).

 

 

"Le dosi in arrivo per l’Italia da Pfizer sono oltre 670mila già ad aprile, due milioni e 150mila a maggio, oltre 4 milioni a giugno. Finalmente una bella notizia e quindi il piano va avanti così come lo avevo strutturato" ha detto il commissario straordinario all’emergenza Coronavirus, Francesco Paolo Figliuolo, durante la visita nel centro vaccinale di Aosta sottolineando di aver ricevuto una telefonata dal presidente Mario Draghi sull’arrivo di 50 milioni di dosi di vaccino Pfizer per l’Europa già durante questo trimestre. La campagna di vaccinazione infatti tiene banco ed è fondamentale anche per cercare di dare vita a un calendario delle riaperture delle varie attività.