Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Massimo Galli, i segreti dell'infettivologo: tifa Inter e sta scrivendo un romanzo di fantascienza

  • a
  • a
  • a

Il professor Massimo Galli, medico infettivologo attualmente in forze all’Ospedale Sacco di Milano, è uno dei volti della scienza in tv in questi mesi in cui il Covid ha stravolto i palinsesti televisivi. Il medico è uno degli ospiti più richiesti e gettonati, piace al pubblico per il suo tono sempre molto chiaro e netto, che senza giri di parole va dritto alla realtà delle cose. Probabilmente il più tosto. Piace e infatti le varie trasmissioni fanno a gara per avere un collegamento con lui. Che non si risparmia, dal mattino alla seconda serata.

 

 

Classe 1951, a luglio compirà 70 anni, Galli si è laureato con il massimo dei voti in Medicina e Chirurgia. Subito dopo ha iniziato a lavorare presso l’Ospedale Sacco di Milano, sua città natale, e dal 2000 anche all’Università Statale di Milano, dove è professore ordinario di malattie infettive. Dal 2008 dirige con successo la Clinica di malattie infettive dell’Ospedale Sacco. Conosce e parla correntemente l’inglese, lo spagnolo e il francese. Prima di dare il suo prezioso contributo alla lotta al Coronavirus, tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta, Massimo Galli è stato uno dei maggiori studiosi nel campo dell’Aids. Si occupa anche di volontariato (è segretario di due organizzazioni). Autore, nel corso degli anni, di centinaia di pubblicazioni, attualmente Galli collabora con il Corriere della Sera

 

 

Da qualche mese a questa parte tutti vogliono sapere di più della vita privata del professor Galli, il suo è diventato un volto familiare per via delle sue numerose presenze nelle varie trasmissioni televisive che si sono occupare dell’emergenza Coronavirus, ma sino a ora è riuscito a mantenere uno stretto riserbo. Soltanto durante l'intervista a Daria Bignardi, in una puntata de L'Assedio, si è lasciato sfuggire che tifa Inter, che gli animaletti che nei collegamenti televisivi vediamo nella libreria alle sue spalle sono del nipotino di sua moglie e che sta scrivendo un romanzo di fantascienza avventurosa che non pubblicherà mai.