Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, 258 morti e 7.351 nuovi casi: indice di positività al 4,1%

  • a
  • a
  • a

Sono 7.351 i nuovi casi di infezione al Covid in Italia secondo il bollettino di oggi, lunedì 15 febbraio 2021, del Ministero della Salute (e consultabile sul sito della Protezione Civile). Da registrare ancora 258 morti, un dato in risaliti paragonandolo a quello delle precedenti ventiquattro ore (+37 rispetto a ieri). I tamponi effettuati sono stati 179.278 per un indice di positività del 4,1% (in calo rispetto alla giornata di ieri (5,38%).

 

 

Il totale delle vittime sale a 93.835 da inizio pandemia. I ricoverati in terapia intensiva sono 2.089 (+4 da ieri e 122 nuovi ingressi), i guariti in totale 2.237.290 (+11.771), mentre gli attualmente positivi 398.098 (-4.685). I ricoverati nei reparti ordinari sono 18.515, 66 in più rispetto a ieri. In isolamento domiciliare sono 377.494 persone. A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi sono  l’Emilia Romagna (1.391), la Lombardia (945), la Campania (966) e il Lazio (760).

 

 

La pandemia da Covid nel mondo ha appena oltrepassato un’altra tragica soglia, quella dei due milioni e 400mila morti dalla sua comparsa secondo l’autorevole database della Johns Hopkins University. I contagi finora diagnosticati, sempre a livello planetario, sono stati 108.877.434. Relativamente alla giornata di ieri, si sono contati 6.386 decessi e 290.730 nuovi contagi, numeri in fortissimo ribasso sia rispetto al trend di vertiginoso incremento che si è registrato da novembre alla prima settimana del mese in corso, sia anche rispetto al calo delle ultime settimane. "È una situazione difficile anche perché purtroppo l’epidemia non sta mollando, sta continuando a farsi sentire pesantemente" dice il presidente della Lombardia, Attilio Fontana, durante un webinar sul Coronavirus. "Purtroppo il piano vaccinazioni sconta la difficoltà derivante dalla mancanza di vaccini di cui disponiamo, ma senza una vaccinazione generalizzata è tutto molto più complicato" ha concluso il governatore lombardo.