Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, 7.970 nuovi casi con 144.270 tamponi: tasso di positività al 5.52%. I morti sono 307

  • a
  • a
  • a

Sono 7.970 i nuovi casi di Covid in Italia (ieri 11.641) a fronte di 144.270 tamponi effettuati, determinando un tasso di positività del 5,52%. Così certifica il bollettino del ministero della Salute di oggi lunedì 8 febbraio 2021. I morti sono stati 307 nelle ultime 24 ore (in aumento rispetto ai 270 registrati ieri).

 

 

Le vittime ufficiali salgono a 91.580, mentre i casi totali sono ora 2.644.707. Gli attualmente positivi sono scesi a 419.604, quindi 7.420 in meno di ieri. I guariti e i dimessi sono 2.133.523  (+15.082), mentre in isolamento domiciliare ci sono 397.934 persone, in calo di 7.717 unità. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 2.143, in aumento di 36 unità rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri sono stati 139. I ricoverati con sintomi sono invece 19.527. I pazienti nei reparti ordinari sono invece in aumento di 261 unità. La regione con più casi giornalieri è l'Emilia Romagna (+1.273, da giorni in crescita), seguita da Campania (+1.189, altra regione con dati da monitorare), Lombardia (+895), Lazio (+782) e Toscana (+523).

 

 

Altre due vittime poi nell'elenco dei medici morti in Italia: diventano cosi 312. Gli ultimi deceduti a causa del Coronavirus sono Bruno De Luca, medico radiologo, e Roberto Puleo, medico anestesista in pensione che continuava a esercitare. L'elenco viene aggiornato dalla Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo). Intanto il coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni annuncia: "Ci siamo coordinati per la ripartizione dei vaccini, ma su come somministrare le dosi ci sono solo degli indirizzi, in questo momento e con questi vaccini puntiamo alla fascia produttiva e agli over 80. Poi ogni Regione si muove da sola. Ed è un proliferare di portali per le prenotazioni, scelta fatta in primis dal Lazio, dall’Abruzzo, dalla Campania, dal Trentino-Alto Adige e dalle Valle d’Aosta.