Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, AstraZeneca punta a nuovi vaccini contro varianti in autunno

  • a
  • a
  • a

AstraZeneca e l’Università di Oxford puntano a produrre un vaccino anti Covid di nuova generazione, che protegga contro le nuove varianti del virus. Potrebbe essere pronto entro l'autunno. Lo ha annunciato il professor Andy Pollard, dell’Università di Oxford, sottolineando che stavano già pianificando di modificare il vaccino. Pollard, citato da Bbc, ha detto che si trattava di un processo relativamente rapido e che sarebbe stato necessario eseguire solo piccoli test prima del lancio.

 

 

"Penso che il lavoro effettivo sulla progettazione di un nuovo vaccino sia molto, molto veloce perché essenzialmente si tratta solo di cambiare la sequenza genetica per la proteina spike", ha detto Pollard. "Poi ci sono la produzione e uno studio su piccola scala. Quindi tutto ciò può essere completato in un periodo di tempo molto breve, e l’autunno è davvero il momento giusto per avere nuovi vaccini disponibili per l’uso", ha aggiunto. Sir Mene Pangalos, vice presidente esecutivo per la ricerca biofarmaceutica e lo sviluppo di AstraZeneca, ha affermato che l’azienda vuole avere i nuovi vaccini pronti "il più rapidamente possibile".

 

 

Il vaccino AstraZeneca intanto è sempre sotto l'occhio del ciclone. Da una parte, 22 giorni dopo la prima dose non si è verificato alcun caso grave di malattia né ricoveri, secondo i primi dati dei trial clinici in Gran Bretagna, Brasile e Sudafrica (con efficacia del 76%), dall'altra invece la Svizzera non autorizza, per il momento il vaccino in quanto "i dati finora disponibili e analizzati non sono ancora sufficienti per procedere con un’omologazione. Occorrono ulteriori dati di nuovi studi per ottenere informazioni sulla sicurezza, sull’efficacia e sulla qualità", si legge in un comunicato di Swissmedic. "Per giungere a una valutazione finale è necessario che il richiedente presenti, tra l’altro, ulteriori dati sull’efficacia provenienti da uno studio di fase III in corso in America del Nord e del Sud e che questi vengano quindi analizzati" si legge nel comunicato.