E' tutto un altro mondo

3 marzo 2013

03.03.2013 - 15:17

0

Il sistema politico italiano in lenta agonia da anni ha cessato di esistere con il voto di domenica scorsa. L’accanimento terapeutico tentato dagli amanti del sistema bipolare è cessato. Grillo ha staccato la spina. E adesso poveruomo? Sembrerebbe che la linea del padre padrone del Movimento sia d’obbligare gli altri partiti a formare un governicchio. Ciò che in democrazia è la norma, discutere tra diversi, per Grillo è il mercato delle vacche. Meglio per Grillo un bel governo con tutti dentro.
Bersani, Berlusconi, Monti, Bossi. Un governo che avrebbe una vita grama e durerebbe qualche mese. Dopo di che, nuove elezioni. I Grillini nuovamente vincenti saranno pronti a governare da soli. E’ legittimo pretendere che il Parlamento appena eletto decida di suicidarsi? E’ proprio convinto Grillo che sarebbe premiata una linea che evita di discutere con chiunque dei problemi che assillano il Paese? Ottenere il venticinque per cento dei voti e congelarli nell’insulto permanente non sembrerebbe coerente con il programma del Movimento che, fino a prova contraria, vorrebbe rovesciare l’Italia come un calzino. Avrebbe la possibilità di farlo, in Parlamento, chiedendo al centrosinistra un programma adeguato e coerente con lo spirito di radicale innovazione dell’agire politico e una svolta nelle politiche sociali e di sviluppo. Bersani è stato sconfitto certo per la mancanza di radicalità nelle proposte ma anche perché il Pd in quest’anno non ha capito l’ampiezza della rabbia montante in un popolo stremato. Bersani è stato sconfitto perché il ceto politico e amministrativo del centrosinistra è stato considerato parte di quella casta di privilegiati non toccata nei propri benefici e incapace di risolvere i problemi. Difficile pensare che gli elettori di Grillo siano disinteressati a un governo che sia capace di invertire la rotta verso il disastro provocato dalle politiche di austerità.
L’Italia ha il tempo per consentire a Grillo di ottenere la maggioranza assoluta dei voti? Può affascinare il “tutti a casa” (e molti a casa ci sono andati) ma senza interessarsi all’economia reale difficilmente un partito o un movimento potrà risolvere i problemi. Siamo una repubblica parlamentare ed è nel parlamento che si dovrebbero decidere i programmi e i provvedimenti del governo. E’ vero, non ci troviamo di fronte ad eletti dal popolo ma di nominati dai vertici dei partiti e, nel caso del M5S da Grillo. Esiste una norma costituzionale che dichiara un parlamentare eletto senza vincolo di mandato.
Nessuno ha il diritto e il potere di porre vincoli al mandato parlamentare. Neanche Grillo. La situazione è di grande confusione ma esiste in parlamento una maggioranza che potrebbe approvare norme per tagliare i costi della politica, riformare il sistema istituzionale, contrattare con l’Europa una politica per la crescita, votare leggi contro la corruzione e via elencando. Bersani ha ragione di andare in parlamento e chiedere la fiducia sulla base di un programma. E’ una scelta trasparente e adeguata? Sì e forse per questo non piace a tutto il Pd. Dietro il vincolo dell’obbligata responsabilità, tornano a muoversi gli amanti del governissimo. Ha ballato un solo inverno il progetto di rendere il professor Monti King Maker nel nuovo parlamento. Se Bersani non ha vinto, Monti è riuscito ad ottenere soltanto l’irrilevanza politica assieme ai centristi. La morte del bipolarismo ha prodotto non un grande centro, ma un parlamento in cui l’unico governo possibile è quello tra il centrosinistra e il movimento di Grillo. Inossidabili nelle proprie convinzioni di esangui riformisti, impermeabili alle sconfitte decennali, i soliti noti del Pd riprendono il loro lavorio per proporre governi di tecnici o di “responsabilità nazionale”. Se prevalessero queste tesi, il partito democratico cesserebbe di esistere. Ma in una situazione di grave tensione sociale e di crisi politica non si può negare che il Pd sia un punto di tenuta democratica anche considerando la scomparsa della sinistra detta radicale. E sì, la frantumata sinistra italiana è stata risucchiata dal M5S e dal non voto. Anche Rivoluzione Civile di Ingroia, Di Pietro, Ferrero, Bonelli e Diliberto ha ottenuto un risultato mediocre che ne impedisce l’ingresso in parlamento.
La sconfitta assume rilievo in Umbria. Alcune delle forze politiche del raggruppamento di Ingroia sono presenti in molte amministrazioni locali a iniziare dalla giunta regionale. Quali legami conservano tra le forze sociali e culturali della nostra comunità? L’impressione prevalente è che il futuro amministrativo dell’Umbria sarà radicalmente diverso da quello conosciuto negli ultimi decenni.
Le carriere infinite cesseranno anche perché l’onda del M5S difficilmente si cheterà nel prossimo futuro. Il galleggiamento nei problemi, stile di lavoro di molti e per molti anni, non è un buon viatico per la tenuta delle amministrazioni di centrosinistra. Ai pessimi risultati elettorali del centrosinistra va aggiunta una realtà economica che ha innescato processi disgregativi che riguardano l’intero comparto delle piccole imprese. La crisi del settore pubblico è, in tutti i comparti, gravissima. L’emergenza lavoro non può essere più soltanto uno slogan. Essa richiede uno sforzo collettivo della politica e delle forze produttive. Mettere in campo risorse, sburocratizzare, innovare. Di tempo ne rimane poco.

Francesco Mandarini

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Trump: "Terminiamo nostre relazioni con Oms"

Trump: "Terminiamo nostre relazioni con Oms"

(Agenzia Vista) Washington, 29 maggio 2020 Trump: "Terminiamo nostre relazioni con Oms" "La Cina ha controllo totale sull’Oms nonostante paghino 40min di dollari l’anno mentre gli Usa pagano attorno 450mln di dollari all’anno. Poiché hanno fallito nel fare le riforme necessarie e richieste oggi terminiamo le nostre relazioni con l’Oms dirigendo quei fondi verso altre organizzazioni.” Lo ha detto ...

 
Caso George Floyd, arrestato il poliziotto che l'ha immobilizzato. Ancora proteste in tutti gli Stati Uniti
USA

Caso George Floyd, arrestato il poliziotto che l'ha immobilizzato. Ancora proteste in tutti gli Stati Uniti

È stato arrestato il poliziotto Derek Chauvin, che a Minneapolis ha immobilizzato a terra George Floyd schiacciandogli un ginocchio sul collo, finché l’uomo è morto. Lo ha fatto sapere il commissario alla Sicurezza pubblica del Minnesota, John Harrington. L’arresto arriva dopo tre notti di violente proteste, che si stanno diffondendo in varie città del Paese (video AskaNews) compreso l'assalto a ...

 
Ai Mercati di Traiano spettacolo di luci per l'Azerbaigian

Ai Mercati di Traiano spettacolo di luci per l'Azerbaigian

Roma, 29 mag. (askanews) - Sono distanti più di 3mila chilometri, ma Roma e Baku non sono mai state così vicine come il 28 maggio. La data in cui la Repubblica Democratica dell'Azerbaigian ha festeggiato il 102esimo anniversario della sua fondazione. Per l 'occasione i Mercati di Traiano ai Fori Imperiali sono stati illuminati con i colori della bandiera dell'Azerbaigian. Un magnifico spettacolo ...

 
La "Rivoluzione gentile" nella biografia di Renzo Arbore

La "Rivoluzione gentile" nella biografia di Renzo Arbore

Roma, 29 mag. (askanews) - Arriva in libreria "Renzo Arbore e la rivoluzione gentile", la biografia ufficiale dello showman foggiano che da oltre mezzo secolo regala sorrisi e allegria agli italiani di tutte le età. Il libro, scritto dal giornalista palermitano Vassily Sortino, ripercorre la carriera di Arbore nelle sue mille sfaccettature. E' più di una biografia ufficiale spiega l'autore. "In ...

 
Amici Speciali, chi sono i quattro finalisti: Michele Bravi, Irama, Alessio Gaudino e The Kolors

Stash dei The Kolors

TELEVISIONE

Amici Speciali, i quattro finalisti: Bravi, Irama, Gaudino e The Kolors

I quattro finalisti che si giocheranno la vittoria finale di "Amici Speciali" sono Michele Bravi (clicca qui), Irama (clicca qui), Alessio Gaudino e i The Kolors. Nella terza ...

30.05.2020

Michele Bravi tra i finalisti di "Amici Speciali". Ringrazia Maria De Filippi e si commuove. Il video

Michele Bravi è di Città di Castello e ha 25 anni

TELEVISIONE

Video Michele Bravi vola in finale ad "Amici Speciali" e si commuove

Michele Bravi è uno dei quattro finalisti di "Amici Speciali", il programma che ha riportato in televisione alcuni dei più amati protagonisti delle passate edizione del ...

30.05.2020

Stasera in tv 30 maggio "Aspettando le parole": Gramellini intervista Lippi. Tra gli ospiti De Luca e Nespoli

TELEVISIONE

Stasera in tv 30 maggio "Aspettando le parole": Gramellini intervista Lippi. Tra gli ospiti De Luca e Nespoli

Stasera in tv 30 maggio torna l'appuntamento con il talk "Aspettando le parole" condotto da Massimo Gramellini (Rai 3 ore 20,30). L'intervista di apertura sarà con Marcello ...

30.05.2020