Politica di altri tempi

16 dicembre 2012

16.12.2012 - 16:04

0

Siamo alle comiche finali? Sembrerebbe proprio così. Viene spontaneo leggere in questa luce i contorcimenti del principe dell’avanspettacolo che, in un pomeriggio, ha assicurato la sua sesta discesa in campo, proposto a Monti la leadership dei moderati e alla fine dichiarato che anche il suo segretario particolare, Alfano, potrebbe essere il candidato del centrodestra. Ma non è solo lui che partecipa allo spettacolo. E’ impressionante e spettacolare il numero e la qualità dei sostenitori del professor Monti alla riconferma a capo del governo italiano. L’ambasciatore americano, AngelaMerkel, l’intero partito popolare europeo, le gerarchie vaticane invitano il professore alla candidatura alle prossime elezioni. Si tratta d’ingerenze negli affari interni di un altro Paese? E’ un’interpretazione che non convince. Non l’ingerenza va denunciata, ciò che invece deve essere richiamato alla memoria sono gli endorsement che per anni i Cavaliere ha ottenuto in Europa e in Italia.
Il “rischio Berlusconi” che tanti in Europa denunciano nasce anche perché il partito popolare europeo ha accettato per anni la presenza nel proprio seno di un partito personale com’era ed è il Pdl. Alleluia: dopo diciotto anni, anche il cardinale Bagnasco ha preso coscienza che l’appoggio al Cavaliere non era coerente con la dottrina della chiesa. E che dire della pletora di moderati che dopo aver sostenuto anno dopo anno il governo della destra berlusconiana, oggi si affanna per convincere Monti a scendere in campo?L’elenco dei pentiti sarebbe lungo e forse inutile. Il mi candido o no di Monti appassiona gli scommettitori inglesi e fa parte dello spettacolo che ci propina la situazione politica. Una situazione di per sé drammatica che diviene tragica alla presenza di una crisi economica che ha impoverito gran parte del Paese e aggravato le disuguaglianze sociali. La politica del governo Monti non ha inciso in nulla rispetto all’equità. Ancora oggi vi sono migliaia d’imprese piccole e grandi che soffrono perché la struttura pubblica non paga i servizi ottenuti. Sei mesi, un anno, prima di avere le fatture saldate dalle amministrazioni locali o dalla struttura statale, quando pagano. I conti saranno in ordine, ma il Paese degrada e il lavoro diviene per intere generazioni un sogno. I vertici europei si ripetono e Monti ottiene sempre grandi apprezzamenti,mala politica economica europea non cambia. Non importa che i risultati siano stati disastrosi da anni e che l’economia reale non cresca, l’importante è salvare le banche e l’ideologia. Che deve fare il centrosinistra per vincere le elezioni? Se la politica della destra al governo è stata disastrosa, quella dei tecnici al governo ha certamente introdotto elementi di giusto rigore nella spesa pubblica, ma non ha prodotto risultati significativi in termini di equità e di crescita del prodotto interno e di possibilità di trovare un lavoro per giovani e donne.
L’Europa è certamente l’orizzonte obbligatorio per un centrosinistra che vuole governare. La Comunità europea ha nemici nei partiti e nei movimenti populisti, ma comincia ad avere cattiva fama anche nei movimenti popolari e democratici. Senza una politica che rimetta al centro il lavoro e lo sviluppo dell’economia reale, i nemici cresceranno. Un esempio? Il bilancio comunitario, cioè le risorse disponibili per gli investimenti in tanti settori, sarà ridotto. La cosa ci riguarda direttamente. L'Umbria storicamente ha utilizzato risorse comunitarie in molti settori, a iniziare dal comparto agricolo. Molte delle realizzazioni di regione e autonomie locali sono state possibili grazie al sostegno comunitario, la modernizzazione della nostra comunità è stata concepibile grazie ai fondi europei. L’ente regione, senza apporti europei, non è in grado di investire nemmeno un euro. Già con l’allargamento a ventisette, le risorse per noi sono diminuite. Un centrosinistra che non affronta il rinnovamento dell’Europa favorirebbe le spinte disgregative già diffuse in tanta parte dei Paesi comunitari. Le notizie su come il Pd e Sel si apprestano a organizzare le primarie per la scelta dei parlamentari sono ancora frammentarie. Importante la scelta, ma non deve essere una presa in giro. Lo sarebbe se gli elettori fossero chiamati a ratificare quanto già deciso dagli organi di partito. Ad esempio, le clausole di tutela dovrebbero riguardare i candidati provenienti dalla società civile e non riservate al ceto politico già noto e in campo da anni. Nei tempi andati dei partiti di massa, quando si voleva eleggere un “esterno” nuovo alla politica, si metteva a capolista per assicurargli l'elezione. Ricordo le elezioni del consiglio regionale nel 1975. Il Pci scelse di aprire le liste a rappresentanti della società civile. Fu scelto il direttore dell’Archivio di Stato, Roberto Abbondanza. Inserito nella testa di lista, pur sconosciuto nel mondo politico, risultò secondo degli eletti, dopo Pietro Conti. Altri tempi.

Francesco Mandarini

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Si insedia in Regione Piemonte la Commissione Permanente per la legalita'

Si insedia in Regione Piemonte la Commissione Permanente per la legalita'

(Agenzia Vista) Torino, 17 gennaio 2020 Si insedia in Regione Piemonte la Commissione Permanente per la legalita' Si è insediata a Palazzo Lascaris la Commissione Permanente per la legalità per fronteggiare la criminalità organizzata in Regione Piemonte / courtesy Rete7 Audiopress Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Beppe Sala riceve il pacco dal Sud: "Per un milanese imbruttito è un sogno"

Beppe Sala riceve il pacco dal Sud: "Per un milanese imbruttito è un sogno"

(Agenzia Vista) Milano, 17 gennaio 2020 Beppe Sala riceve il pacco dal Sud: "Per un milanese imbruttito è un sogno" Il sindaco di Milano, Beppe Sala, posta un breve video su Instagram nel quale mostra le prelibatezze contenute in un pacco che gli è stato spedito dai ragazzi della pagina @unterroneamilano Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Acque reflue nella rete fognaria a Nola, blitz dei Carabinieri

Acque reflue nella rete fognaria a Nola, blitz dei Carabinieri

(Agenzia Vista) Campania, 17 gennaio 2020 Acque reflue nella rete fognaria a Nola, blitz dei Carabinieri I Carabinieri della Stazione di Carbonara di Nola hanno denunciato due operai incensurati di Marigliano di 32 e 39 anni / fonte Carabinieri Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Video Belen Rodriguez, duro allenamento agli ordini di Ioana che rischia di beccarsi una pallonata
Social

Video Belen Rodriguez, duro allenamento. Ioana rischia la pallonata

Belen Rodriguez ancora in palestra. Uno dei segreti del super fisico della modella e showgirl argentina è il duro lavoro agli ordini della sua personal trainer, Ioana Dunica. Anche il 17 gennaio Belen si è dedicata ad una intensa seduta di allenamento, in particolare lavorando con palle e palloni. "Costanza, perseveranza, sono il segreto di ogni obiettivo raggiunto" sostiene Belen che durante un ...

 
Video Belen Rodriguez, duro allenamento agli ordini di Ioana che rischia di beccarsi una pallonata

Social

Video Belen Rodriguez, duro allenamento. Ioana rischia la pallonata

Belen Rodriguez ancora in palestra. Uno dei segreti del super fisico della modella e showgirl argentina è il duro lavoro agli ordini della sua personal trainer, Ioana Dunica. ...

17.01.2020

4 Ristoranti di Alessandro Borghese, al via la quinta stagione: il video del promo dell'edizione 2020

Televisione

4 Ristoranti di Alessandro Borghese, al via la quinta stagione: il video del promo dell'edizione 2020

Torna questa sera, a partire dalle ore 21.15, la quinta stagione di "4 Ristoranti di Alessandro Borghese", on onda su Tv8. Cliccando qui puoi vedere il video della stagione ...

17.01.2020

Grande Fratello Vip 2020, Fabio Testi rivela: "L'ho fatto in acqua attaccato al materassino". Video

Nella Casa

Grande Fratello Vip 2020, Fabio Testi rivela: "L'ho fatto in acqua attaccato al materassino". Video

Nella Casa si parla si fanno domande e si ricevono risposte che diventano rivelazioni. Anche molto naturali. Come succede a Fabio Testi che alla vigilia della quarta puntata ...

17.01.2020