Aspettando la terza Repubblica

4 novembre 2012

04.11.2012 - 15:57

0

Osservatori e opinionisti sembrano festeggiare la fine di quei partiti personali che hanno segnato l’ultimo ventennio della politica italiana. La seconda repubblica è morta, ci dicono, la terza non si sa quando e come nascerà. Non troveremo più nelle schede elettorali il nome del “capo” candidato a primo ministro? Ancora non si sa. I partiti non sembrano trovare un accordo per modificare il “porcellum” e senza cambiare la legge elettorale indicare il candidato leader è obbligo di legge. Se così sarà, troveremo una lista che contiene il simbolo del Movimento Cinque Stelle e il nome di Grillo. Il capo politico del Movimento, primo partito in Sicilia, si appresta a incassare ciò per cui ha lavorato con determinazione da molti anni: la scomparsa di un ceto politico che ha portato il Paese al disastro attuale. Proprio a conferma che non sempre osservatori e opinionisti della politica sanno di cosa parlano, il partito personale si ripropone magari in forme differenti. C’è una diversità tra il padre padrone del Pdl, Berlusconi, e il comico genovese? Sì, profonda. Il primo è sceso in campo per difendere le proprie aziende dal comunismo rampante. L’uomo di Arcore ha vinto ripetutamente aggregando pezzi di ceto politico di ogni colore e di ogni prezzo, intellettuali accecati dall’odio per la sinistra e da ultimo, cortigiani maschili e femminili che con la politica non avevano il minimo rapporto. Beppe Grillo ha scelto di giocare la partita della politica mobilitando forze diverse che convergono nella critica forte e spesso motivata all’establishment. I candidati del Movimento 5 Stelle sono tutti giovani che non hanno mai avuto ruoli politici o amministrativi. Presto dire se sapranno fornire buona prova, ma certo si presentano come la novità. Non ritengo corretto riportare il successo del Movimento alle sole capacità mediatiche del “capo politico” e dei suoi spin doctor. L’imbarbarimento dell’agire politico di tanti protagonisti della stagione berlusconiana legittima un’indignazione che, non avendo trovato nei partiti tradizionali alcuna capacità di riforma, prende la strada o dell’astensione dal voto e dall’impegno politico. Altro significato ha il consenso per chi propone un altro modo di esercitare l’azione politica come risultano gli uomini e le donne del Movimento. Certo l’offerta pubblica d’acquisto esercitata da Grillo sull’Idv di Di Pietro qualche turbamento sembra provocarlo all’interno del M5S. Se è vero che formalmente il simbolo dell’Idv rientra tra le proprietà di Di Pietro, è anche vero che questo partito esprime sindaci, amministratori, parlamentari di ottima qualità che non potrebbero accettare il disfacimento. Voleranno stracci purtroppo, ma anche queste implosioni fanno parte della crisi della democrazia italiana. Una democrazia in affanno a ogni livello. Il governo Monti resta convinto che il suo appeal rimane buono nonostante che i sacrifici imposti al popolo non sembrano produrre quegli effetti positivi sulla crisi del Paese. Monti resta convinto, anche lui studia i sondaggi, che dalla sua ha l’appoggio della maggioranza del popolo. E’ noto che i sondaggi in genere durano lo spazio di un mattino, poi c’è la realtà. E questa ci dice che l’apatia sta montando in strati sempre più vasti della popolazione. Quando il 52%di una regione importante diserta le urne, l’allarme per il deteriorarsi del rapporto cittadino con la politica diviene drammatico. A molti, anche al sottoscritto, è sembrato eccessivo il giudizio entusiasta di Bersani per il risultato elettorale della Sicilia. Aver eletto presidente un’ottima persona come Crocetta non può far dimenticare a Bersani la massiccia perdita di voti del Pd e la mancanza di una maggioranza nell’assemblea siciliana. L’enorme dato dell’astensione doveva sollecitare maggior prudenza nel giudizio. Si può legittimamente sostenere che il non voto è una sorta di modernizzazione dell’Italia. Nei Paesi anglosassoni sono ormai decenni che la maggioranza del popolo non partecipa al rito democratico del voto. Il presidente degli Stati Uniti è sempre eletto da una minoranza degli elettori. Il grande Tony Blair era votato da meno del 30% degli aventi diritto al voto. E’ questa una modernizzazione molto rischiosa. In un momento in cui le sacche di disoccupazione divengono un fiume inarrestabile, le possibilità di un collasso democratico aumentano. Accertato che per la classe dirigente italiana la storia non è per nulla maestra di vita, rileggere ciò che ha portato alla nascita del fascismo e poi del nazismo, sarebbe cosa utile. Il regime democratico non è dato per sempre. Una democrazia vive d’istituzioni che funzionano. La fase che viviamo vede tutta la struttura pubblica in crisi. Lo sono le autonomie locali, lo sono gli enti regionali ormai incapaci di svolgere un ruolo per alleviare le difficoltà dei loro amministrati. Un disastro non provocato da catastrofi naturali. Ma causato dalle scelte dei governi centrali ormai da qualche decennio. Abbattere i costi della politica è sacrosanto e qualsiasi resistenza del ceto politico deve essere denunciata e battuta. Non è per nulla apprezzabile l’azione del governo quando annichilisce e non valorizza l’autonomia locale a vantaggio di un centralismo che storicamente ha dimostrato di essere la vera limitazione alla modernizzazione dell’Italia. La storia del nostro Paese è storia di comuni e di comunità locali. Quando il governo in nome della lotta agli sprechi non permette di funzionare nemmeno alle amministrazioni periferiche che non sprecano un euro, sbaglia alla grande. Monti riuscirà anche a pareggiare il bilancio dello Stato, ma allontana il Paese da qualsiasi prospettiva positiva.

Francesco Mandarini

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Alessi, 600 alunni  in protesta davanti al liceo riuniti nello slogan: "Studenti presenti, preside assente"
Scuola

Alessi, 600 alunni in protesta davanti al liceo riuniti nello slogan: "Studenti presenti, preside assente"

Più di seicento studenti del liceo scientifico Galeazzo Alessi, circa metà degli iscritti (1.265 in totale ndr), venerdì 28 febbraio si sono riuniti dalle 8 di mattina nel piazzale dell’istituto in via Ruggero D’Andreotto a Perugia per chiedere una gestione più efficiente da parte della dirigente scolastica, Laura Carmen Paladino. Ad alternarsi al microfono per stigmatizzare disagi e criticità ...

 
Mafia, ucciso fratello di un boss nel Palermitano: agguato in auto
Sicilia

Mafia, ucciso fratello di un boss nel Palermitano: agguato in auto

Omicidio a Belmonte Mezzagno, centro agricolo in provincia di Palermo. Agostino Alessandro Migliore, fratello del presunto boss Giovanni, arrestato nell'operazione Cupola 2.0, è stato trovato ucciso, a colpi di arma da fuoco, nella sua auto in via Togliatti, intorno alle 5 del mattino del 28 febbraio 2020 Sul caso indagano i carabinieri. Per approfondire leggi anche: Mafia, preso il boss ...

 
Coronavirus, Cirio: "Abbiamo riportato a casa i piemontesi di Alassio, per loro quarantena"

Coronavirus, Cirio: "Abbiamo riportato a casa i piemontesi di Alassio, per loro quarantena"

(Agenzia Vista) Torino, 28 febbraio 2020 Coronavirus, Cirio: "Abbiamo riportato a casa i piemontesi di Alassio, per loro quarantena" Il Governatore del Piemonte aggiorna i cittadini tramite la sua pagina Facebook con le ultime notizie sul Coronavirus. Sono rientrati in regione i piemontesi ad Alassio, resteranno in quarantena Fonte Facebook Alberto Cirio Fonte: Agenzia Vista / Alexander ...

 
Coronavirus, Marsilio Abbiamo un caso in Abruzzo, famiglia in quarantena

Coronavirus, Marsilio Abbiamo un caso in Abruzzo, famiglia in quarantena

(Agenzia Vista) L'Aquila, 28 febbraio 2020 Coronavirus, Marsilio Abbiamo un caso in Abruzzo, famiglia in quarantena Il governatore abruzzese: "Nonostante il caso accertato a Roseto, l’Abruzzo non vedrà mutata la sua classificazione di «regione senza cluster», in quanto il contagio è stato esterno e non c’è alcun focolaio del virus sul nostro territorio regionale. La nostra Regione non adotterà ...

 
Revocato il divieto di avvicinamento allo stalker che molestava Sabrina Ferilli

ONANO

Revocato il divieto di avvicinamento allo stalker che molestava Sabrina Ferilli

Sabrina Ferilli perseguitata, è tornato libero del tutto l’uomo condannato per stalking ai suoi danni. Il giudice Salvatore Iulia, che nei giorni scorsi gli aveva inflitto un ...

29.02.2020

Masterchef 9, i profili dei 4 finalisti del cooking show di Sky Uno

in tv

Masterchef 9, i profili dei 4 finalisti del cooking show di Sky Uno

Quattro pretendenti e una poltrona, quella di Masterchef 9 che vale 100 mila euro e la possibilità di pubblicare il proprio primo ibro di ricette. E' questo l'obiettivo del ...

28.02.2020

Samanta Togni torna in Umbria dopo il viaggio di nozze con Mario Russo. La foto del buongiorno su Instagram

Il personaggio

Samanta Togni torna in Umbria dopo il viaggio di nozze con Mario Russo. La foto del buongiorno su Instagram

Samanta Togni è rientrata ieri in Italia dal viaggio di nozze a Dubai (con tanto di mascherina anti Coronavirus), seconda tappa della sua luna di miele dopo la Lapponia. ...

28.02.2020