Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Foligno, insegnante positiva al Covid: didattica a distanza per tutto l'istituto

Susanna Minelli
  • a
  • a
  • a

Dopo i licei Frezzi-Beata Angela e Marconi anche l’Ipsia Orfini di Foligno ha iniziato il nuovo anno scolastico con la didattica a distanza. Una decisione presa dal consiglio d’istituto nel fine settimana a fronte dell’emergere di un caso di positività al Covid di una docente dell’istituto, la quale nelle scorse settimane, facendo parte dello staff scolastico, era venuta in contatto con collaboratori, personale amministrativo e dirigenza. Di conseguenza, in attesa dei risultati dei tamponi eseguiti sui contatti all’interno della scuola, la dirigente scolastica Maria Rita Trampetti ha optato in via del tutto precauzionale per la didattica a distanza per i circa 600 alunni dell’istituto. Per il momento il provvedimento è stato preso per questa prima settimana di lezioni, per permettere ai lavoratori della scuola che si sono sottoposti a tampone di avere i risultati e riorganizzare il lavoro. L’Ipsia Orfini è la seconda scuola folignate che, per questo inizio di anno, ha dovuto optare per la didattica online a causa dell'emergere di un caso di positività al Covid. Già noto dalle scorse ore il caso del liceo Frezzi–Beata Angela, dove a risultare positiva al Covid è stata una collaboratrice scolastica e di conseguenza a finire in isolamento preventivo in attesa dell’esito dei tamponi è stato tutto il personale amministrativo al punto che è stato impossibile per la dirigenza garantire i servizi essenziali agli studenti per la prima settimana di scuola. Senza considerare che anche per una classe di quinto del liceo scientifico Marconi si è optato per questa modalità a causa di due studenti che stanno aspettando il risultato del tampone.