Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pensioni minime, Durigon: "Ora non le possiamo aumentare. Lo faremo durante la legislatura"

  • a
  • a
  • a

Le pensioni minime non possono essere aumentate in questa fase, ma "lo faremo durante la legislatura". Lo sostiene Claudio Durigon, sottosegretario al Lavoro della Lega. E' la risposta che dà a chi gli chiede se ci sono le risorse per alzarle fin da adesso, come vorrebbe Forza Italia. Quella di Durigon è una replica anche alle dichiarazioni che aveva rilasciato il presidente della Camera e deputato azzurro Giorgio Mulè, intervenendo ad Agorà su Rai 3. "Con questa legge di bilancio si aumentano le pensioni minime a 574 euro e possibilmente arriveremo a 600 euro come chiede Silvio Berlusconi", aveva detto Mulè. Durigon invece rinvia al futuro. Nel suo intervento ad Agorà, il parlamentare azzurro aveva spiegato che quella del governo guidato da Giorgia Meloni "è la manovra che aiuta gli ultimi perché stanzia 500 milioni per il bonus sociale in favore delle famiglie meno abbienti, aiuta i nuclei familiari con disabili rendendo stabile il contributo a prescindere dall'età". E ancora: "Stiamo facendo una legge di bilancio che va incontro alle esigenze di chi sta in difficoltà e lo sta facendo in modo determinante Forza Italia. La riduzione delle tasse in favore dei lavoratori autonomi che stiamo portando avanti serve ad avvicinare il loro carico fiscale a quello dei dipendenti, mentre sul fronte del lavoro la decontribuzione per chi ha fino a 35 anni insieme al ritorno dei voucher vanno incontro alla nostra visione di società che facilita e agevola chi fa impresa e chi cerca un impiego".