Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Salvini: "Nuovo piano casa, per il ponte sullo Stretto norma per velocizzare la realizzazione"

  • a
  • a
  • a

Il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti "ha smarrito la sua missione". Lo afferma il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini in audizione sulle linee programmatiche in commissione Ambiente a Palazzo Madama. Salvini ricorda che il suo mandato al ministero è iniziato "40 giorni fa", e che ha potuto constatare "criticità sull’allocazione delle risorse" e "carenza di personale", specie nelle sedi periferiche.

 

 

"C’è la nota dolente del Fondo di sviluppo e coesione. Le risorse affidate al Mit erano di 21,4 miliardi di euro, ma se sono stati impegnati solo 8,8 miliardi" sottolinea il vice premier e ministro delle Infrastrutture e dei trasporti. "Dobbiamo reintrodurre tempi certi nella realizzazione delle opere pubbliche. Il nostro Paese non può restare sotto scacco con chi dice solo no alle opere pubbliche" sottolinea Salvini. In tema di edilizia statale e rigenerazione urbana "penso a un nuovo Piano casa da costruire insieme ai territori" ha aggiunto. In questo senso il Mit ha competenza "regolatoria, programmatoria e finanziaria", ha chiarito. 

 

 

"Il ponte sullo Stretto di Messina è un’opera non piu rinviabile di assoluta strategicità per l’Italia e l’Europa" perché "senza ponte a cosa serva l’Alta velocità Salerno-Reggio Calabria e il potenziamento delle linee ferroviarie siciliane", che sono "interventi altrettanto importanti se non di più". Opere che insieme alle linee Ten-T europee fanno parte di "un sistema, senza un pezzo non serve" ha detto Salvini. Per questo nella manovra c’è "una norma per accelerare la sua realizzazione".