Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Governo, Fdi: "Nessun veto su Salvini. Cercheremo di risollevare la nazione". Meloni e gli sms con Salvini

Marianna Castelli
  • a
  • a
  • a

Due ore e mezzo. Tanto è durata la riunione dell'esecutivo nazionale di Fratelli d'Italia. A Roma oltre alla presidente Giorgia Meloni, hanno partecipato all'incontro Ignazio La Russa, Andrea Delmastro, Fabio Rampelli, Marcello Gemmato, Raffaele Fitto, Tommaso Foti, Luca Ciriani e Francesco Lollobrigida. Ovviamente Meloni circondata dai giornalisti all'arrivo. Guardava il cellulare ed ha annuito e sorriso quando le è stato chiesto se c'erano messaggi anche di Matteo Salvini

Al termine dei lavori, Lollobrigida (capogruppo alla Camera) ha spiegato che "stiamo parlando della fase storica in cui versano l'Italia e il mondo e ragionando sulla grande responsabilità che potremmo trovarci da qui a poco a incarnare in prima persona con Giorgia Meloni. Se questo sarà, cercheremo con disciplina e responsabilità di condurre l'Italia fuori da le situazioni nelle quali i nostri cittadini e le nostre imprese si stanno trovando". Lollobrigida sul futuro governo ha spiegato che "Giorgia Meloni ragionerà nel dettaglio nel caso in cui sarà incaricata dal presidente Sergio Mattarella". Saranno coinvolte "le persone migliori che possono occupare ruoli di responsabilità e che possano lavorare al meglio per rispondere alle esigenze degli italiani e rilanciare la nazione". 

Prima dell'incontro era stato Fabio Rampelli a soffermarsi brevemente con i giornalisti. Ha spiegato che non gli risulta alcun veto su Matteo Salvini al Viminale comunque "sarà Giorgia Meloni a informarvi quando lo riterrà opportuno". Dribbling sulle possibili polemiche tra i partiti della coalizione: "Io non so dove siano. Ci sono tre partiti che devono comporre un governo ed è normale che discutano. Anzi, mi pare che le cose stiano andando benissimo proprio perché non c'è alcuna polemica. Le liste? Tutti ne hanno una e non credo che questo sia un problema. Hanno dato le loro indicazioni su cui si discuterà".