Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Elezioni, Crosetto (Fratelli d'Italia): "Al governo Meloni solo i migliori". Le ipotesi sui ministri

  • a
  • a
  • a

Un nuovo "governo dei migliori". Sulla scia dell'esecutivo di Mario Draghi, dove Fratelli d'Italia ha rappresentato la maggiore forza di opposizione, adesso le elezioni hanno detto centrodestra e Giorgia Meloni, leader del partito, si prepara alla formazione del nuovo consiglio dei ministri. Che appunto, come detto dal cofondatore di FdI e consigliere della premier in pectore Guido Crosetto ai microfoni del Messaggero, sarà costruito scegliendo le migliori personalità del Paese.

 

 

"Se qualcuno pensa di fare il nuovo esecutivo con in mano il manuale Cencelli o piantando bandierine di partito su sedie e seggiole, sbaglia di grosso. Il governo Meloni sarà costruito scegliendo le migliori energie italiane", ha detto Crosetto. "Rispetteremo tutti gli impegni e con noi i conti pubblici saranno al sicuro. Di tempo non ce n’è, bisogna partire a testa bassa pensando alla responsabilità di guidare il Paese. Ad esempio c’è una legge di bilancio da fare e che va presentata alle Ue entro il 16 ottobre. Se non lo fa l’attuale governo, cosa che mi pare Draghi non sia intenzionato a fare, spetterà al nuovo esecutivo che però arriverà probabilmente tra oltre un mese", prosegue il braccio destro di Meloni. Le prime mosse del nuovo esecutivo saranno quelle di "disaccoppiare il prezzo della luce e del gas, imporre un tetto al costo in bolletta, cercare di fissare un prezzo europeo, incentivare le riconversioni. Vanno salvati il sistema economico e le famiglie da questo tsunami". E ancora, niente scostamento di bilancio e due possibili soluzioni per contrastare la crisi energetica: un intervento da parte dell'Ue sulla falsa riga del Pnrr, "oppure Bruxelles ci permette di utilizzare i miliardi di fondi europei non spesi della programmazione settennale o quelli nazionali aggiuntivi previsti per il Pnrr, per interventi di messa in sicurezza economica e sociale".

 

 

Tornando sui nomi di questo governo, per il Corriere della Sera un ruolo chiave potrebbe averlo proprio Crosetto, che però ha risposto con una battuta a La7 su un suo possibile incarico: "Se io entrerò nel nuovo governo? Penso di no, sono troppo grosso". Ci sono poi Francesco Lollobrigida, capogruppo alla Camera, che potrebbe diventare ministro delle Infrastrutture, e Giovanbattista Fazzolari, che potrebbe ricoprire l'incarico di ministro per l'Attuazione del programma di governo. E ancora Giancarlo Giorgetti e Giulia Bongiorno, Fabio Panetta ed Elisabetta Belloni: insomma, ce n'è per tutti. Il lavoro di Meloni è appena iniziato.