Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Elezioni, Conte: "Il 15% è un grande successo. Via il reddito di cittadinanza? Allora la nostra opposizione durissima"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

"Il Movimento 5 Stelle viene da un percorso travagliato, con dei passaggi che hanno visto molti parlamentare lasciare il movimento. Ciò nonostante il voto è stata una grande investitura da parte dei cittadini, nonostante tutte le forze politiche ci abbiano attaccato dopo le dimissioni di Draghi. Questo risultato è un grande successo" dice il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, in conferenza stampa alla Camera. "Questo è un grande successo e un grande consenso", ha proseguito, e "ci permette di affrontare questa legislatura per condurre le nostre battaglie in modo intransigente". Poi l'avviso: "Se verrà toccato il reddito di cittadinanza la nostra posizione non sarà dura, sarà inflessibile: su questo e sulla progressività del regime fiscale non faremo sconti e nessuno si faccia idee equivoche perché i tempi per evitare l’esercizio provvisorio sono stretti".

 

 

E ancora: "Una buona quindicina di collegi uninominali li abbiamo vinti, è un dato importante perché noi correvamo da soli. Pur essendo forza politica maggioritaria in tante regioni, ci ritroviamo con un numero di parlamentari inferiori a forze che erano in coalizione. È segno di grande forza e credibilità" aggiunge Conte. "Non siamo il partito del Sud, ma sicuramente siamo la forza principale al Sud. Questo ci dà la forza di proporci per cercare di fare delle misure per la crescita del Mezzogiorno in maniera non assistenzialista" spiega.

 

 

Sull'alleanza saltata con il Pd: "Letta oggi ha puntato il dito contro di me, io credo quando c’è una sconfitta, e siamo di fronte a una sconfitta del Pd, un leader non cerca un nemico esterno. Letta ha accettato di mettere le dita negli occhi al M5S con la norma sull’inceneritore, ha puntato forte su Di Maio, su Tabacci, pensando di emarginare il M5S, ha tentato di realizzare una svolta moderata a destra del Pd, ha fallito anche questo passaggio, ha puntato sulla difesa del governo Draghi, Letta ha venduto un prodotto politico che non c’era" ha spiegato Conte.