Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Centrodestra chiude campagna elettorale. Meloni, "pronti a governare" poi le note di Su di noi di Pupo

Salvini: "Via canone Rai dalla bolletta". Berlusconi: "Siamo uniti". Lupi: "Non abbiamo bisogno di patenti di democrazia dalla sinistra"

  • a
  • a
  • a

Di nuovo tutti insieme, sullo stesso palco, come non capitava dal gennaio del 2020. Dopo quasi mille giorni Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini si ritrovano uniti a piazza del Popolo, a Roma, per l’evento conclusivo della campagna elettorale del centrodestra. La photo opportunity - che vede tutti assieme sul palco Salvini, Berlusconi, Lupi e Meloni - arriva subito, a inizio manifestazione anche perché al termine sul palco resta solo la presidente di Fratelli d’Italia che chiude il suo intervento sulle note di Su di noi di Pupo.

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Giorgia Meloni (@giorgiameloni)

 

Il nostro sarà un governo "saldo, coeso, con un forte mandato popolare e che rimarrà in carica cinque anni" annuncia la presidente di Fratelli d’Italia. Il primo a prendere la parola è stato Berlusconi: "Sono qui perché siamo uniti: siamo la maggioranza vera del Paese. Sappiamo che in ogni turno elettorale abbiamo avuto sempre la stessa risposta: l’Italia non vuole essere governata dalla sinistra". La parola è poi passata a Lupi, che ha definito il prossimo governo di centrodestra "credibile, autorevole ed affidabile. Non abbiamo bisogno di patenti di democrazia dalla sinistra". Durante il suo intervento, Meloni e Salvini hanno parlato a bordo palco per diversi minuti, coprendo sempre la bocca per non far intendere il labiale. E proprio il leader della Lega ha ribadito il concetto della sua alleata: "L’impegno che offriamo è quello di governare bene, insieme, per cinque anni". Infine, il leader della Lega ha voluto rassicurare sulla collocazione internazionale dell’Italia: "Non la cambieremo: non siamo al soldo di nessuno ma voglio un’Italia che sia rispettata nel mondo e non che prenda ordini da qualcuno".

 

 

Salvini ha poi lanciato una stoccata a Renzi: "Grazie a quel genio di Renzi sulla bolletta di tutti gli italiani ci sono anche i 90 euro del canone Rai. Mi domando e vi domando, ma devono pagarlo tutti gli italiani questo dazio per far fare comizi di sinistra a pseudo intellettuali di sinistra? Pagateveli voi i vostri comizi. Via il canone Rai dalla bolletta degli italiani". "Gli unici che hanno paura sono loro perché hanno capito che sta per finire il loto sistema di potere. Noi siamo pronti e lo vedrete il 25 settembre, domenica, fino all’ultimo voto. Viva l’Italia, viva Fdi, viva il centrodestra" ha concluso invece Meloni riferendosi agli avversari.