Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Berlusconi si candida al Senato e svela il programma elettorale: "Pensioni a mille euro e un milione di alberi"

  • a
  • a
  • a

"Nel nostro programma c’è l’aumento delle pensioni, tutte le nostre pensioni, ad almeno 1000 euro al mese per 13 mensilità, c’è la pensione alle nostre mamme che sono le persone che hanno lavorato di più alla sera, al sabato, alla domenica, nei periodi delle ferie e che hanno diritto di avere una vecchiaia serena e dignitosa e poi c’è l’impegno a mettere a dimora, a piantare ogni anno almeno un milione di alberi su tutto il territorio nazionale". Lo ha detto il presidente di Fi, Silvio Berlusconi, abbozzando in una intervista al Tg5 il contenuto del programma elettorale del partito.

 

 

"Proprio in questi giorni - ha aggiunto il Cavaliere - stavo finendo di preparare il programma di Forza Italia e del centro-destra in vista delle elezioni del 2023. Ora naturalmente il programma diventa di stretta attualità perché dobbiamo depositarlo al Viminale entro il 12 agosto. Il nostro è un programma semplice, sono 8 punti fondamentali per far ripartire l’Italia e per alleviare le difficoltà e le sofferenze degli italiani. Meno tasse, meno burocrazia, meno processi, più sicurezza, per i giovani, per gli anziani, per l’ambiente e poi la nostra politica estera. È un programma che si basa sulla nostra tradizionale lotta alle tre oppressioni, l’oppressione fiscale, l’oppressione burocratica l’oppressione giudiziaria e che è molto attento ai più deboli, agli anziani, ai malati ed è anche molto attento all’ambiente, che è un tema che diventa sempre più importante", ha concluso Berlusconi.

 

 

Silvio Berlusconi sarà "certamentecandidato al Senato. Il leader di Forza Italia "sta come un grillo: ha fatto nove campagne elettorali e l’idea di farne un’altra lo esalta". Lo dice il coordinatore azzurro Antonio Tajani, conversando con i cronisti a Montecitorio. Berlusconi ha annunciato di avere anche la lista pronta degli eventuali ministri: "Se dicessi qualche nome metterei in imbarazzo persone che stanno ancora riflettendo. Quello che posso dire è che le nostre liste saranno fatte come sempre di donne e di uomini di alto profilo, che hanno dimostrato con i fatti, nel lavoro, nello studio, nell’impegno sociale, di saper lavorare con competenza e con onestà, realizzando i traguardi che si erano dati e mantenendo gli impegni e le promesse che avevano fatto".