Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Forza Italia attacca il Movimento 5 Stelle. Tajani: "Ora basta, decida se vuole stare in maggioranza oppure no"

  • a
  • a
  • a

Dopo Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, è il coordinatore del partito, Antonio Tajani, a prendere una dura posizione nei confronti del Movimento 5 Stelle, in bilico tra restare in maggioranza oppure uscirne. "È il momento della chiarezza, la nostra richiesta è semplice: il M5S ci deve dire cosa vuole fare. Devono spiegare se sono ancora dentro la maggioranza o se sono fuori. Serve serietà". Così Tajani in una intervista rilasciata al Corriere della Sera. "Ora aspettiamo le valutazioni del presidente Draghi, che noi sosteniamo con grande convinzione", dice Tajani che aggiunge: "Se una forza di maggioranza, come lo è il M5S, decide come votare alla Camera a suo piacimento su ogni singolo provvedimento, si creano i presupposti per mandare in frantumi la maggioranza. Si rischia che ognuno vada per la propria strada: così non va bene".

"Serve una verifica tra i partiti - prosegue Tajani nella sua intervista - Non si può continuare a cincischiare. Oltretutto le tensioni del centrosinistra si stanno scaricando sull’esecutivo". E se i pentastellati giovedì in Senato non votassero la fiducia sul decreto Aiuti, "se ne assumerebbero la responsabilità. Si aprirebbe una crisi di governo. Per questo chiediamo una verifica: vogliamo sapere cosa vuole fare Conte. Noi vogliamo che questo governo arrivi a fine legislatura. Siamo sempre stati collaborativi, mai abbiamo portato in Aula provvedimenti divisivi".

Infine sull'ipotesi di chiedere al premier, in caso di crisi, di andare avanti anche senza i Cinque Stelle, "i numeri ci sarebbero - conclude - Silvio Berlusconi avrebbe potuto chiedere le elezioni anche dopo la caduta del Conte bis, anche perché avremmo vinto. Invece lavoriamo con serietà per il bene del Paese". La giornata di giovedì diventa decisiva per il futuro dell'esecutivo guidato da Mario Draghi. La palla torna sul campo del Movimento 5 Stelle, cosa decideranno di fare i grillini? E saranno compatti?