Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Draghi e la guerra: "Dipendenza dal gas russo in riduzione. Canali di dialogo restano aperti"

  • a
  • a
  • a

"I nostri canali di dialogo restano aperti. Non smetteremo di sostenere la diplomazia e cercare la pace, nei termini che sceglierà l’Ucraina". Così il premier Mario Draghi, nelle comunicazioni al Senato prima del Consiglio Ue. E ancora: "Il governo italiano intende continuare a sostenere l’Ucraina così come questo Parlamento ci ha dato mandato di fare" ha ribadito Draghi. 

 

 

Il premier poi spiega che "le sanzioni funzionano, il tempo sta rivelando che queste misure sono sempre più efficaci" mentre ha rivelato che gli sforzi sullo "sminamento dei porti" sono falliti. "Continuano a emergere nuove atrocità commesse ai danni dei civili in Ucraina. Anche il numero delle persone in fuga continua ad aumentare. Soltanto 135 mila sono arrivati in Italia dall’inizio dell’invasione. Voglio esprimere la mia gratitudine agli italiani che li hanno accolti", ha detto il premier. "Mosca continua ad aggredire le città ucraine per espandere il controllo del territorio. I combattimenti a Severodonetsk, nella regione di Luhansk sono particolarmente feroci. I bombardamenti a Kharkiv aggravano il bilancio di morti e feriti", ha continuato il presidente del Consiglio.

 

 

Sul fronte energia Draghi analizza: "Dall’inizio della guerra questo governo si è mosso con rapidità per trovare fonti di approvvigionamento alternative al gas russo. Grazie a queste misure potremo ridurre la nostra dipendenza dal gas russi già dall’anno prossimo". E ancora: "L’inflazione di fondo in Italia è più bassa. Per tutelare il potere d’acquisto dei cittadini è essenziale agire sulla fonte del problema e contenere i rincari di gas ed energia. La soluzione che proponiamo è un tetto al gas russo che ridurrebbe flussi finanziari verso Mosca. Il Consiglio europeo ha dato mandato alla Commissione europea di trovare un controllo al prezzo. L’Europa deve muoversi con rapidità e decisione per tutelare i propri cittadini dalle ricadute della crisi innescate dalla guerra", ha aggiunto