Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palermo, caos referendum ed elezioni: 50 seggi senza presidente. La Lega si appella a Mattarella. Calenda: "Allucinante"

  • a
  • a
  • a

I referendum? Un vero e proprio caos in Sicilia, nella città di Palermo. Nel giorno dell'apertura dei seggi per le amministrative e il voto sui quesiti legati al tema giustizia, infatti, ci sarebbero almeno cinquanta sezioni senza presidente di seggio. Il Comune ha cercato di affrontare immediatamente il problema nominando alcuni funzionari interni. In una nota la Lega, che insieme al Partito Radicale ha promosso i referendum, si appella direttamente al Capo dello Stato e al ministro dell'Interno: "Situazione grave e inaccettabile, democrazia a rischio, è necessario allungare l'orario del voto". Dura anche la presa di posizione di Carlo Calenda, leader di azione: "A Palermo la situazione è allucinante. In questo momento 40 sezioni chiuse. Tantissime persone tornano a casa senza aver potuto votare. È una cosa indegna di un paese civile".