Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Salvini: "Italia sotto attacco come fu con la Grecia. Servono subito sconti su luce, gas e benzina. Il governo reagisca"

  • a
  • a
  • a

Nove miliardi non bastano. Il governo italiano deve reagire. Lo sostiene Matteo Salvini. "Mi sembra evidente che l'Italia sia sotto attacco perché quando la Banca centrale europea dice 'non vi compro più i titoli di Stato', la Borsa perde il 5% in un giorno, l'inflazione sale al 7%, la crescita diminuisce, la benzina è sopra i 2 euro al litro, altro che 9 miliardi". Così il leader della Lega, a margine della visita al Salone del Mobile a Milano, rispondendo a una domanda sul decreto allo studio del Governo per luglio con una cifra che si aggirerebbe intorno ai 9 miliardi di euro.

"Ho chiesto al ministro dell'Economia - ha aggiunto il capo del Carroccio - di trovare velocemente i soldi per rinnovare lo sconto benzina e gasolio almeno per tutta l'estate e anche lo sconto per le bollette di luce e gas. L'impressione è che ci sia l'Italia sotto attacco come qualche anno fa, vorrebbero fare dell'Italia una nuova Grecia portandosi via il malloppo. E noi chiediamo al Governo di reagire". Salvini ha approfittato per attaccare il centrosinistra. "Parliamo di cose serie. Se a sinistra sono messi così male che per trovare un candidato per la Lombardia devono venire a pescarlo nel centrodestra, a me fa solo piacere. Il problema è tutto loro". Così il leader della Lega, a chi gli chiedeva un commento sulle parole di apprezzamento del segretario di Azione, Carlo Calenda, su Letizia Moratti in vista delle elezioni regionali in Lombardia del 2023.

E ancora: "Draghi bis nel 2023? Diamo la parola agli italiani, fidiamoci degli italiani e lasciamoli scegliere. Noi abbiamo detto sì a questo Governo di emergenza solo perché c'era la pandemia, poi di governi tecnici, di governi non eletti o di governi col Pd noi non ne faremo e non ne accetteremo più, evidentemente. Anche perché lo spread è a 230, nonostante Draghi, nonostante un Governo di emergenza. Quindi, vuol dire che evidentemente, quando a Francoforte o a Bruxelles decidono di attaccare, perché questa è l'impressione, alcuni Paesi europei, in primis l'italia, bisogna reagire", ha aggiunto.