Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Meloni: "Con noi al governo mai più ministri come Di Maio, Speranza e Toninelli"

  • a
  • a
  • a

Ancora bordate di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, contro il governo guidato da Mario Draghi e una promessa: mai più ministri come Luigi Di Maio, Roberto Speranza e Danilo Toninelli. "Faranno di tutto per impedircelo ma quando arriveremo al Governo le cose cambieranno. Ci dicono che non abbiamo una classe dirigente, io vi dico: abbiamo affrontato una pandemia con Speranza alla Salute, siamo in guerra e il ministro degli Esteri è Di Maio. Ci è crollato un ponte a Genova e il ministro delle Infrastrutture era Toninelli. Quando noi saremo al Governo non avremo ministri di così basso livello". Queste le parole di Giorgia Meloni a un incontro elettorale a Como

Su Facebook, invece, Giorgia Meloni ha scritto che "a pochi mesi dalle elezioni politiche la Goldman Sachs si dice preoccupata dall'esito delle urne. La banca d’affari americana non vede di buon occhio un Governo con pieno mandato popolare degli italiani per fare i loro interessi, preferiscono un'accozzaglia con dentro tutto e il contrario di tutto, sorretta da parlamentari pronti a votare qualsiasi piano di svendita pur di conservare la poltrona fino alla fine. Ma prima o poi arriverà il giudizio del popolo italiano, piaccia o meno alla Goldman Sachs".

Presa di posizione anche sul Reddito di cittadinanza: "Il ministro del lavoro Andrea Orlando è impegnato a trovare un impiego a chi era stato assunto per trovare un lavoro ai percettori del Reddito di cittadinanza: (purtroppo) non è una barzelletta, ma l’ennesimo paradosso creato da un governo che ormai passa le giornate tentando di risolvere problemi creati da se stesso. Condivido le parole del presidente di Confindustria". Carlo Bonomi, presidente di Confindustria, aveva dichiarato che "in Italia siamo a un paradosso: il ministro del Lavoro deve trovare lavoro a chi era stato preso per trovare lavoro a chi non ce l'aveva".