Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Renzi, inchiesta Open: "Scandalo assoluto. I magistrati vanno processati"

Christian Campigli
  • a
  • a
  • a

Se qualcuno lo immaginava arrendevole e mite, sereno in attesa delle decisioni che condizioneranno il suo futuro politico, oggi resterà deluso. Matteo Renzi è un autentico fiume in piena. Pronto a lottare per la propria innocenza. “Sono stato Presidente del Consiglio e quindi rispetto le istituzioni e per questo sono intervenuto all'udienza. Per anni saremo qua in questo processo su cui già la Corte di Cassazione ha detto tutto quello che andava detto. Con molta tranquillità andiamo avanti, col sorriso. Vogliamo giustizia e la otterremo, come abbiamo fatto chiedendo di aprire un procedimento contro i pm di Firenze alla Procura di Genova. Dunque a testa alta e massima tranquillità e soprattutto la richiesta che i magistrati di Firenze siano processati per aver violato le leggi".

Parole e musica del leader di Italia Viva, emesse questa mattina, lunedì 4 aprile, al termine della prima udienza preliminare, dopo la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura del capoluogo toscano nell'ambito dell'inchiesta sulla Fondazione Open, che dal 2012 al 2018 ha finanziato le attività politiche dell'ex premier. "Noi chiediamo che i magistrati di Firenze siano processati - ha spiegato Renzi - non per le molestie sessuali del procuratore capo Giuseppe Creazzo, quello è un problema che riguarda loro e il Csm; non per quello che ha fatto il dottor Antonino Nastasi a Siena, che è uno scandalo assoluto ma che non riguarda questo processo; noi chiediamo che siano processati per aver violato la Costituzione e le leggi. Noi chiediamo giustizia".

Prende fiato, guarda le decine di cronisti presenti di fronte all'ingresso del tribunale fiorentino e annuncia di aver scritto un libro su questo caso giudiziario, che si intitolerà Il Mostro e sarà in edicola a giugno. "Io ho visto i pm di Firenze violare la Costituzione, li ho visti violare la legge. Mi auguro che non abbiamo violato anche la Corte di Cassazione inviando il materiale sequestrato a Marco Carrai al Copasir: quello sarebbe l'ennesimo sfregio alle istituzioni e al diritto", ha detto ancora Renzi, secondo il quale "dopo le sentenze della Cassazione, il processo Open si dimostra per quello che è: uno scandalo assoluto. La Corte di Cassazione, non le difese, ha spiegato con chiarezza, per cinque volte, che l'operato dei magistrati di Firenze ha infranto le regole. Non abbiamo infranto le regole noi, le hanno infrante i magistrati".