Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sondaggio Ixè, centrodestra in calo. Vola il Pd. Ecco come la guerra (e non solo) cambia il quadro politico

  • a
  • a
  • a

La guerra in Ucraina sta influenzando la situazione politica italiana? Sembra proprio di sì stando al sondaggio Ixè secondo cui Lega e Fratelli d'Italia starebbero subendo una battuta d'arresto, mentre il Partito Democratico guidato da Enrico Letta continuerebbe a crescere e sarebbe ormai il primo del Paese avendo raggiunto il 23.3% dei consensi. La forza politica guidata da Giorgia Meloni sarebbe a quasi sei punti di distanza, per l'esattezza raggiungerebbe il 17.6%. La Lega sarebbe invece il terzo partito italiano, ferma al 17%. Perde ancora terreno il Movimento 5 Stelle che scende sotto al 15%, facendo registrare il 14.9%. Mentre Forza Italia si avvicina al dieci, ottenendo il 9.5%.

Stando ai dati che sono stati diffusi, la federazione Europa Azione otterrebbe addirittura il 5.2%, dato che fino a poche settimane fa non era ipotizzabile. Europa Verde al 2.3, Sinistra Italiana al 2.1, ancora peggio Italia Viva di Matteo Renzi che è stabile all'1.7% che in caso di elezioni significherebbe di fatto la scomparsa del partito, attualmente ancora forte politicamente, na debolissimo dal punto di vista elettorale. 

Uno scenario reale o soltanto teorico e fortemente condizionato da questa delicata fase che sta vivendo il Paese? Che i principali due partiti del centrodestra siano in calo è considerato un dato di fatto. L'aveva confermato anche Alessandra Ghisleri, direttrice di Euromedia Research, che aveva registrato una diminuzione dei consensi. La Lega il 2 febbraio perdeva l'1.8%, tornando sotto il dato ottenuto alle elezioni Politiche del 2018. Di certo i sondaggi attualmente sono nettamente condizionati sia dai difficili rapporti tra i partiti della coalizione di centrodestra, che si sono incrinati in maniera netta sia nelle elezioni per il presidente della Repubblica, che per l'aggressione dell'Ucraina da parte della Russia. Le scelte di Vladimir Putin sono state criticate da tutto il mondo e ovviamente chi negli ultimi anni aveva esaltato la sua figura di politico e statista, ora rischia di pagarne il prezzo.