Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Caro bollette, Berlusconi: "Il governo trovi soldi per aiutare imprese e famiglie. Riprendiamo la ricerca sul nucleare"

  • a
  • a
  • a

Trovare immediatamente le risorse per contrastare il caro bollette, aumentare la produzione di gas e riprendere la ricerca sull'energia nucleare. In sintesi sono i concetti espressi da Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, intervenuto su Radio Montecarlo. "Vi voglio parlare dei rialzi eccessivi del prezzo dell'energia che stanno producendo conseguenze drammatiche sulle famiglie e sulle imprese - ha detto Berlusconi - Le famiglie rischiano di non riuscire a fare fronte ai rincari delle bollette, le imprese si ritrovano costrette a rallentare le produzioni o qualcuna, addirittura, a chiudere. Sono a rischio migliaia di posti di lavoro e qualche Comune, sarà addirittura obbligato a diminuire i suoi servizi ai cittadini come ad esempio l'illuminazione pubblica o il riscaldamento nelle scuole".

Ancora: "Abbiamo chiesto e chiediamo con forza al governo di contenere, di abbattere questi aumenti trovando rapidamente le risorse per farlo, per evitare che questo fenomeno metta a rischio una già difficile ripresa". Secondo Berlusconi in Italia "bisogna risolvere il problema" energetico "una volta per tutte. Perché, dovete sapere, che l'Italia è il primo importatore di energia del mondo e dipende per il 94%, avete sentito bene il 94%, dalle produzioni straniere. È quindi indispensabile aumentare la nostra produzione di gas ed è anche indispensabile riprendere la ricerca sul nucleare" 

"Vi ricordo - spiega Berlusconi - che il gas e l'energia nucleare sono appena state ricomprese dalla Commissione europea tra le energie pulite e sicure. Dobbiamo dunque realizzare nuovi impianti e nuove infrastrutture per rendere l'Italia più indipendente dall'estero per l'energia e sfruttare al meglio gli impianti esistenti, come il gasdotto Transadriatico, il Tap (cioè il Trans Adriatic Pipeline): questo dimostra quanto sbagliava chi, per anni, si è opposto alla sua realizzazione in nome di un ambientalismo del no, un ambientalismo dei divieti davvero superato dalla storia. Concludendo: noi ce la mettiamo e ce la metteremo tutta per aiutare le famiglie e le imprese italiane a superare questo momento difficile. Sono sicuro che ce la faremo".