Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Quirinale, il centrodestra indicherà Casellati alla quinta votazione. Salvini invita leader maggioranza prima del voto

  • a
  • a
  • a

E alla fine il nome arrivò. Il centrodestra, dopo la fumata nera del vertice di ieri sera - giovedì 27 gennaio - ha scelto chi indicare nella quinta votazione per l'elezione del nuovo presidente della Repubblica. Dopo il vertice di questa mattina - venerdì 28 gennaio - i leader hanno scelto di votare Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato. Intanto il leadr della Lega Matteo Salvini ha invitato i leader della maggioranza prima del voto.

 

 

L’intesa sul nome della seconda carica dello Stato, prevede che l’alleanza di centrodestra punterà sul nome Casellati a partire dalla votazione al via alle 11 e nella possibile replica pomeridiana, se la Camera deciderà di procedere con due votazioni oggi. "Voteremo Casellati, non abbiamo paura di niente", ha detto il presidente di Coraggio Italia e sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro. Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia, ha confermato Casellati, sottolineando che anche Berlusconi ha indicato il suo nome. Per Giorgia Meloni, numero uno di Fratelli d'Italia, "Casellati è apertura su nome istituzionale, i veti sono incomprensibili. Noi siamo compatti, gli altri non si capisce. Dobbiamo stringere i tempi.

 

 

Il leader della Lega, Matteo Salvini, intanto al termine del vertice ha convocato i capigruppo e i dirigenti della Lega. Il Carroccio conferma di volere due votazioni oggi. In seguito, rende noto la Lega, Salvini approfondirà la situazione con i segretari dei partiti di centrosinistra. L'ex ministro dell'Interno ha chiesto un incontro prima delle 11 a Montecitorio, a Giuseppe Conte, Enrico Letta, Matteo Renzi e Roberto Speranza, anche se Ettore Rosato, presidente e deputato di Italia viva, ha scritto su Twitter che Iv "non vota la Casellati come non voterà nessun nome divisivo. Lo abbiamo sempre detto. Il centrodestra la smetta di inseguire Giorgia Meloni che ha il solo intento di dividere la maggioranza di governo".