Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Silvio Berlusconi ricoverato, il figlio: "Sta bene". Ronzulli: "E' lui il leader e detta la linea"

  • a
  • a
  • a

Silvio Berlusconi sta bene. E' stato il figlio del leader di Forza Italia, Pier Silvio, a dirlo ai cronisti uscendo dall'ospedale San Raffaele di Milano, dove il padre è ricoverato da domenica, subito dopo aver annunciato il ritiro dalla corsa per la presidenza della Repubblica. I giornalisti gli hanno chiesto le condizioni di salute del padre e lui ha replicato con due sole parole: "Sta bene". La stessa cosa aveva detto qualche ora prima la senatrice Licia Ronzulli, anche lei all'uscita dall'ospedale San Raffaele: “Il presidente Silvio Berlusconi sta molto bene, sta lavorando. E' al telefono, sono ore decisive ed è in forma”. 

La senatrice Ronzulli ha sottolineato che Berlusconi “è il leader del partito e deve essere aggiornato in tempo reale, quindi avevamo voglia di venirlo a trovare e aggiornarlo su tutto. La guida è lui, la linea la detta lui quindi mi sembra doveroso oltre che corretto essere qui”. Insieme a lei c'era Antonio Tajani. Berlusconi ha ricevuto anche le visite dell'ex senatore Marcello Dell'Utri, del presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, del senatore Niccolò Ghedini. Oltre alla fidanzata Marta Fascia, sono andati a trovarlo i figli Marina, Eleonora e Luigi con la moglie Federica Fumagalli. Quasi tutti sono entrati da ingressi secondari per non rilasciare dichiarazioni ai giornalisti. 

Nessuna dichiarazione, invece, da parte di Alberto Zangrillo, medico personale di Berlusconi e primario del San Raffaele. Ai giornalisti che lo hanno chiamato per avere notizie, ha replicato in maniera garbata, ma secca: “Non rilascio dichiarazione alcuna sulle condizioni di salute di Berlusconi. Vi chiedo scusa, per i giornalisti oggi sono solo il presidente del Genoa Calcio”. Secondo l’unico bollettino diffuso dall’ospedale, l’ex presidente del Consiglio si sta “sottoponendo ai controlli clinici periodici, programmati da tempo inseriti in un protocollo standard”. Ma secondo indiscrezioni a destare preoccupazione sarebbe anche l'umore del leader di Forza Italia, profondamente demoralizzato per aver dovuto rinunciare al sogno del Quirinale