Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Carlo Nordio, chi è l'ex magistrato che ha indagato sulle Brigate Rosse e sulle cooperative. La sua grande sorpresa

  • a
  • a
  • a

Oltre ai nomi di Letizia Moratti e Marcello Pera, il centrodestra ha proposto anche l'ex magistrato Carlo Nordio per la carica di presidente della Repubblica. Vediamo meglio chi è Nordio. Nato a Treviso nel 1947, non è mai stato in politica e non ha mai ricoperto alcun ruolo. La sua carriera si è sviluppata tutta all'interno della magistratura. Oggi si dedica alle consulenze ed è stato chiamato a collaborare con la commissione parlamentare d'inchiesta che indaga sulla morte di David Rossi, ex responsabile della comunicazione di Banca Mps, deceduto nel 2013 dopo essere precipitato dalla finestra del suo studio a Siena

Durante gli anni trascorsi in magistratura, Carlo Nordio ha operato soprattutto nella città di Venezia. Si è occupato in particolare dei reati economici e di corruzione e negli anni Ottanta ha condotto indagini sulle Brigate Rosse che sconvolgevano il Paese. Durante il periodo di Tangentopoli la sua attenzione si è concentrata sulle cooperative rosse, ovviamente suscitando simpatie nel mondo del centrodestra. Il nome di Nordio nei giorni scorsi era stato espresso pubblicamente da Fratelli d'Italia ed è stata proprio Giorgia Meloni, leader del partito, a spingere affinché venisse inserito nel tris ufficializzato dal centrodestra. 

Ha lasciato la magistratura nel 2017, andando in pensione. In quel momento era procuratore aggiunto di Venezia. Da allora ha collaborato con riviste giuridiche e quotidiani e dal 5 dicembre 2018 è componente del cda della Fondazione Luigi Einaudi Onlus. Quando per la prima volta è spuntato il suo nome come ipotetico successore di Sergio Mattarella, ha rilasciato una intervista a Libero, non nascondendo la sua sorpresa: "Questa mi riesce proprio nuova. Credo che la carica di capo dello Stato debba esser affidata a un politico e la mia cultura politica è esclusivamente teorica, non ho mai fatto parte neanche di un consiglio comunale. Comunque, se cercassero tra i giuristi, ce ne sono molti assai più preparati e autorevoli di me".