Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Quirinale, Silvio Berlusconi ha deciso: non si candida a presidente della Repubblica

  • a
  • a
  • a

Silvio Berlusconi ha sciolto le riserve: non si candida alla carica di presidente della Repubblica. Il leader di Forza Italia ha deciso di rinunciare alla corsa per la successione a Sergio Mattarella nel ruolo di capo dello Stato. Lo ha fatto dopo attente valutazioni e lo ha comunicato agli altri leader dei partiti di centrodestra facendo leggere una nota dalla senatrice Licia Ronzulli. Nel primo pomeriggio Berlusconi si era riunito con ministri di Forza Italia a cui aveva detto di non aver ancora preso una decisione. Cosa che ha fatto più tardi. Un passo indietro che però era nell'aria già dal primo pomeriggio e che si è concretizzato nel vertice dei leader di centrodestra. Secondo fonti della coalizione "ha fatto un passo indietro e ha rinunciato in nome della ricerca dell'unità del Paese".

La linea di Berlusconi ora è quella di avanzare una proposta condivisa da tutta la coalizione di centrodestra e capace di ottenere il massimo del consenso possibile. Ma il possibile nuovo presidente della Repubblica, non sarà l'attuale premier, Mario Draghi, che secondo Forza Italia deve rimanere al suo posto e completare l'opera con l'attuale governo. E' uno dei passaggi della nota dello stesso Berlusconi, letta da Ronzulli in apertura del vertice. Il leader di Forza Italia ha spiegato di aver verificato l'esistenza di consensi per una sua eventuale corsa al Colle e ha ringraziato chi lo ha supportato. Ha ribadito che con la sua scelta ha servito il Paese. 

Antonio Tajani, coordinatore azzurro, aveva già sostenuto che la linea del partito deve essere che Mario Draghi non vada al Quirinale, ma rimanga a Palazzo Chigi dove al momento è inamovibile. Nell'esecutivo, inoltre, non ci devono essere né rimpasti, né nuovi ingressi. Ma durante l'incontro di Forza Italia che ha preceduto il vertice del centrodestra, Tajani ha anche sottolineato con decisione che "non è possibile accettare la ghettizzazione della sinistra nei confronti dei candidati del centrodestra".