Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Quirinale, Renzi su Berlusconi candidato: "Il centrodestra fa catenaccio, lo tengono lì per motivi tattici" | Video

  • a
  • a
  • a

Matteo Renzi è intervenuto come ospite da Serena Bortone a Oggi è un altro giorno, su Rai1, nella puntata di venerdì 14 gennaio. Faro principale ovviamente la prossima elezione del Presidente della Repubblica.

 

 

"Berlusconi sarà il candidato del centrodestra? No, lo tengono lì per motivi tattici - ha spiegato il leader di Italia Viva -. La settimana prossima vedremo se Salvini e Meloni fanno sul serio o no. Non voglio rovinare la suspense al centrodestra ma secondo me si entrerà nel vivo tra mercoledì e giovedì della settimana prossima. Oggi è melina, catenaccio a centrocampo". Renzi ha quindi proseguito: "Mattarella ha detto 'non sono disponibile'. Io non ce le vedo tutte le forze politiche, Salvini che va a chiedere a Mattarella di rifarlo", le sue parole.

 

 

Poi un pronostico su quando ci sarà il nome del nuovo Capo dello Stato: "Io non scommetto niente sulla quarta votazione - ha precisato - ma di solito, è accaduto nel 2016 con Mattarella e nel 2006 con Napolitano, quando si abbassa il quorum si arriva ad eleggere il presidente. E' una considerazione statistica la mia". Quindi l'immancabile stoccata a D'Alema: "Sul Quirinale non ci prende mai - ha commentato -. Sono d’accordo con le considerazioni di Gianni Letta. Si è creato in Parlamento un clima bello ascoltando le commemorazioni di Sassoli. Mi piace una politica in cui non si deve sempre insultare gli altri. In nome di Sassoli si sono ascoltate le ragioni degli altri e questo è un buon metodo per eleggere il presidente della Repubblica. Che non è un giocatore, è l’arbitro e serve che sia imparziale".

 

 

Sul futuro di Italia Viva: Se ci coordineremo con Toti e Brugnaro per l’elezione del capo dello Stato? Noi ci riuniamo oggi con i grandi elettori Italia viva, che sono 45, per iniziare un percorso e vedere come aiutare la scelta. Poi, io sono affezionato al centrosinistra ma a quello di quando non c’erano i populisti grillini", ha dichiarato ancora dalla Bortone.