Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Enrico Letta: "Tutelare Mario Draghi, Quirinale o no. E' la nostra assicurazione sulla vita"

  • a
  • a
  • a

 Su Mario Draghi "decideremo insieme, nel Partito Democratico e con le altre forze di governo. Quirinale o no, il premier va comunque tutelato". Sono parole del segretario nazionale del Pd, Enrico Letta, che ha rilasciato una intervista al quotidiano La Repubblica, sia sull'azione di governo che sulle ormai prossime elezioni del nuovo capo dello Stato che sarà eletto all'inizio del nuovo anno.

Letta nell'intervista ha spiegato che nelle parole del premier, pronunciate nella conferenza di fine anno, non ha letto "una auto-candidatura. Su un'eventuale ipotesi Draghi al Colle, come sugli altri nomi che garantiscono ampio consenso, decideremo tutti insieme e al momento debito. Quel che so per certo è che Draghi va comunque protetto e tutelato per il bene del Paese. Chi ha detto di non volere Draghi al Quirinale - prosegue il segretario del Pd - ha aggiunto di volerlo ancora a Palazzo Chigi. Ritengo, per essere chiari, che noi dobbiamo tenercelo stretto, in un modo o nell'altro. Quello che Draghi sta portando all'Italia è enorme. Draghi è un'assicurazione sulla vita".

Parole molto forti in difesa del primo ministro che sta guidando il Paese nel momento più difficile dalla seconda guerra mondiale. L'Italia deve combattere contemporaneamente sia la pandemia da Covid 19 che i danni che la stessa provocano ad una economia ammalata ormai da decenni. Ma le scadenze ci sono e il parlamento presto dovrà comunque riunirsi per l'elezione del successore di Sergio Mattarella alla presidenza della Repubblica. Le forze politiche già da settimane hanno iniziato le schermaglie e andranno avanti sino ai giorni del voto. La speranza è che riescano a trovare una soluzione condivisa pensando al bene della nazione e non agli interessi di parte. Intanto si moltiplicano i nomi dei possibili nuovi inquilini del Quirinale. Sicuramente in ascesa le quotazioni di Giuliano Amato. Sarà lui a collezionare il numero minore di veti e quindi a salire sul Colle?