Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Renzi, stoccata alla sinistra ad Atreju: "Mi piace quella di Blair e Clinton, in Italia è estremista"

  • a
  • a
  • a

Matteo Renzi è intervenuto ad Atreju, per la festa di Fratelli d'Italia. "Nei prossimi anni cambierà molto il concetto di destra e sinistra - ha sottolineato -. Io rimango affezionato alla sinistra di Blair e Clinton, non a quella che prevale in Italia, che è estremista". Il leader di Italia Viva ha quindi aggiunto: "Per me parlare di Costituzione è un po' complicato. Vi svelo un segreto, nemmeno alla Meloni l’ho rivelato. Sono 5 anni che non parlo di Costituzione - ha ammesso - visto che l’ultima non mi era andata granchè bene. Era ai tempi del referendum che dissi 'ragazzi, nei prossimi 20 anni non si parla di riforme costituzionali'. In realtà se ci pensate, questo tema continua a venire come nodo al pettine molto prima".

 

 

E ancora: "Ha ragione Violante quando dice 'se volete il presidenzialismo non è che potete avere solo il presidente della Repubblica eletto direttamente, va preso tutto il pacchetto'. Il capo dello Stato eletto direttamente, infatti, si porta insieme un sistema che si può scegliere di accettare o no ma è un sistema complesso che riguarda ad esempio, una cosa sui cui noi abbiamo lasciato le penne, ovvero il rapporto con le Regioni - ha affermato ancora Renzi -. Noi l’abbiamo perso molto più lì che non altrove la vicenda del referendum".

 

 

L'ex premier ha quindi parlato di democrazia, rifilando una stoccata ai Cinque Stelle: "Credo che ad essere in crisi sia la democrazia, perché non corrisponde all’atto del voto una conseguenza. Quando ero Presidente del Consiglio mi urlavate in Parlamento, giustamente, 'non ti ha eletto nessuno', e tecnicamente avevate ragione, tuttavia quel modello costituzionale vedeva comunque delle persone con esperienza politica. Oggi il problema - la tesi di Renzi - è che si può arrivare alla guida del Paese pensando che i like sostituiscano i voti, che il meccanismo degli influencer sostituisca, e lo dico ai più giovani, la vostra bella partecipazione politica".